Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 2 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – AVVISO ULTIMO MINUTO: la NEVE sta per tingere di bianco tutte queste ZONE fino a quote medio-basse

METEO – Perturbazione in arrivo con nevicate a quote medio-basse su alcune regioni italiane

In arrivo deboli nevicate sotto i 1000 metri al Nordovest ed Emilia
1 di 4
  • METEO: tempo in rapido peggioramento sull’Italia, quota neve in calo nelle prossime ore

    PREVISIONI METEO – Il transito di un veloce fronte freddo sulla nostra Penisola, porterà il ritorno del maltempo su molte regioni italiane e con esso anche il ritorno della neve sui rilievi alpini e appenninici. In questo editoriale ci dedicheremo al dettaglio delle quote fino a cui si spingeranno i fiocchi tra la serata di oggi e le successive ore notturne. Si tratterà di fenomeni deboli o al più moderati che interesseranno dapprima l’arco alpino e nella seconda parte della notte anche quello appenninico. Come detto, il tempo tornerà a migliorare rapidamente già dalla mattinata di domani con i fenomeni che tenderanno a mantenersi oltralpe.

    Settori alpini nord-occidentali, il dettaglio previsionale

    Per quanto riguarda i settori alpini nord-occidentali, per questa sera le nevicate interesseranno le zone montuose di alto Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia fino a quote di medio-alta collina e comprese tra 650 e 800 metri. Nelle ore notturne, sempre sul medesimo settore, qualche residua nevicata potrà spingersi fin verso i 600 metri ma con tempo in rapido miglioramento e la saccatura di circa -30 hPa in quota che tenderà man mano a spostarsi verso Est riportando la stabilità su tutte le regioni settentrionali.

    PREVISIONE NEVE sulle Alpi centro-orientali

    Scenario non troppo differente quello che ci aspetta invece sulle Alpi centro-orientali, dove i fenomeni più intensi sono attesi in un secondo momento. Nella serata infatti i fiocchi faranno la loro comparsa verso quote prevalentemente superiori agli 800-900 metri, ma si tratterà di precipitazioni deboli. Nella nottata invece il transito della saccatura in quota determinerà un rapido calo della quota neve fin verso i 650-700 metri. Anche in questo caso i fenomeni tenderanno ad esaurirsi rapidamente, con la stabilità che tornerà già dalle prime ore del mattino di domani. Vediamo però nella pagina successiva, fin dove si spingeranno i fiocchi invece lungo l’arco appenninico.

  • Neve in Appennino: fiocchi a quote medio-alte tra la notte e le prime ore del mattino di venerdì

    Scenario ben peggiore per gli amanti di freddo e sci quello che si prospetta in Appennino. Le precipitazioni, pur risultando a tratti molto intense ed accompagnate da raffiche di vento e sporadica attività elettrica, risulteranno nevose soltanto a partire dai 1400-1600 metri. Al di sotto di questa quota i fenomeni saranno a prevalente carattere di pioggia.

  • Come anche anticipato nella prima pagina dell’editoriale, su Alpi e Appennino centro-settentrionale già nella mattinata di venerdì assisteremo ad un generale miglioramento con residui fenomeni in progressivo allontanamento nelle ore successive. Le temperature tenderanno così ad aumentare, sia nei valori minimi che nei valori massimi a partire da sabato.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo di consultare come sempre il nostro sito o la nostra App meteo.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: