Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – FLUSSI di MALTEMPO invadono l’ITALIA, TEMPORALI in arrivo nelle PROSSIME ORE, ecco le ZONE COLPITE

METEO - Scorrimento di aria più FRESCA e INSTABILE in arrivo dai quadranti orientali, in arrivo TEMPORALI, ecco le ZONE COLPITE nelle prossime ore. Migliorerà già in serata

Temporale, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Nuovo inciampo dell’estate oggi

    Dopo l’entrata in vigore dell’estate astronomica grazie al relativo solstizio nella giornata di ieri, la quale è stata peraltro interamente caratterizzata dal generale bel tempo sulla nostra Penisola con locali eccezioni riscontrabili solo sul Friuli Venezia Giulia, nella giornata di oggi si incorrerà in un nuovo passo falso dell’estate. Infatti, già in questi minuti, temporali anche violenti ed estremamente localizzati stanno colpendo lo stivale. Le aree più interessate sono le zone interne delle regioni centrali, vediamo dunque cosa attenderci nelle prossime ore in Italia commentando anche la situazione sinottica generale.

    Vasta area depressionaria sulla Russia europea determina lo scorrimento di correnti più umide da est

    Le condizioni di maltempo che si constateranno nella giornata odierna e che vedremo solo nel successivo paragrafo le zone che interesserà, sono determinate essenzialmente dalla presenza di una vasta area depressionaria per giunta anche piuttosto fredda sulla Russia europea, nonché sulle aree occidentali della predetta nazione. Tale campo di bassa pressione determina lo scorrimento di correnti più fresche e instabili provenienti appunto dai quadranti orientali o nordorientali e che lambiscono la nostra Penisola. Esse, oltre ad essere responsabili dell’instabilità pomeridiana in Italia, sono anche causa di un generale contenimento delle temperature all’interno della media del periodo.

    Temporali in sviluppo nelle zone interne del Paese

    Dopo una mattinata trascorsa all’insegna della generica stabilità e con cieli in prevalenza soleggiati, nel corso di questo pomeriggio spiccata è la cumulogenesi sulla dorsale appenninica e, più generalmente, nelle zone interne della nostra Penisola. La cumulogenesi non risulta e non risulterà tuttavia fine a sé stessa, ma darà luogo alla formazione e al successivo sviluppo di temporali anche violenti, ma estremamente localizzati nelle aree interne delle regioni centrali. Il maltempo infatti, sebbene si svilupperà essenzialmente sulla dorsale appenninica, può sconfinare anche nelle aree ad essa adiacenti o anche in quelle meno limitrofe.

  • Settori costieri all’asciutto grazie alla brezza marina

    Le zone che rimarranno sicuramente al riparo da questi temporali saranno le zone costiere (tutte) delle regioni centrali, a causa della ventilazione tesa di brezza marina. Essa infatti mitigando l’aria garantisce un gradiente termico verticale meno spiccato rispetto alle aree non esposte a correnti marittime. Quest’ultimo si rivela essenziale (anche se talvolta non sufficiente) allo sviluppo di temporali pomeridiani anche intensi.

  • Miglioramento graduale col progredire della serata

    Con l’avanzare della serata l’irraggiamento solare verrà meno e dunque diminuirà non solo l’energia immessa in atmosfera dall’irraggiamento stesso, ma inizieranno anche a calare le temperature con il gradiente che dunque risulterà meno spiccato. Per questo motivo, col progredire della serata, le condizioni meteo tenderanno ad un graduale e generale miglioramento con accenno persino a qualche schiarita anche nelle aree attualmente interessate dal maltempo o che verranno comunque colpite nel corso di questo pomeriggio.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: