Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forte MALTEMPO e NEVICATE a QUOTE BASSE sull’ITALIA, quale evoluzione nelle prossime ore?

METEO - Forte MALTEMPO in atto su alcune regioni italiane, NEVICATE a BASSA QUOTA sul versante adriatico, ecco l'evoluzione delle prossime ore su scala nazionale

Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 2
  • L’ondata di gelo porta ancora i suoi effetti lungo il versante adriatico

    Nel corso della mattinata odierna l’ondata di gelo di origine artico continentale ha continuato a portare i suoi effetti sulla nostra Penisola e in particolar modo, come sempre, sul versante adriatico. Dopo aver apportato neve fino in pianura anche sulle coste nella giornata di ieri (con fiocchi anche a Bari) nel corso della mattinata odierna la quota neve si è leggermente alzata, con nevicate fin sui 100/200 metri sulle regioni adriatiche centrali, in rialzo sui 400/500 metri nel corso di questo pomeriggio.

    Forte maltempo in atto sulle aree joniche della Sicilia

    Contestualmente all’ondata di gelo sulle regioni centro-settentrionali, in quelle meridionali una perturbazione di origine afro-mediterranea continua a portare i suoi effetti questa volta in maniera più evidente grazie al suo progressivo avvicinamento alle suddette aree e all’intensificazione della perturbazione stessa, che ora viene alimentata da correnti artiche. Forti piogge si stanno abbattendo in particolare sulle aree joniche della Sicilia non apportando al momento quantitativi d’acqua eccessivi.

    Nelle prossime ore il maltempo si sposterà verso la Calabria estendendosi verso nord

    Nelle prossime ore serali il maltempo che sta in questo momento colpendo le aree joniche della Sicilia, colpirà la Calabria in particolare, ancora una volta, le aree joniche regionali. Piogge anche a carattere di nubifragio potrebbero ripercuotersi su tale regione, favoriti anche dal fenomeno dello stau sulle aree pedemontane del versante jonico a causa delle forti correnti sciroccali, richiamate dalla perturbazione afro-mediterranea stessa. L’instabilità si estenderà anche verso nord, colpendo la Campania e il Lazio, oltre che Puglia e Basilicata.

  • Neve a bassa quota su sponda adriatica e viterbese

    Il cosiddetto cuscino freddo non reggerà sul medio-basso Lazio, dove i venti di scirocco spazzeranno in breve tempo tutto il freddo accumulato da ieri su tali aree regionali. L’unica provincia che rimarrà leggermente più al riparo dal richiamo mite sarà quella di Viterbo, dove fiocchi potranno ancora scendere a partire dai 300/400 metri in serata, localmente anche più in basso, ma in progressiva risalita. Quota neve simile anche sulle regioni centrali adriatiche.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: