Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Forti SBALZI di TEMPERATURA in ITALIA, prima il caldo primaverile poi il freddo polare

METEO ITALIA: super anticiclone in arrivo con anticipo di primavera, poi cambia tutto con freddo polare e crollo delle temperature

Dopo il caldo arriverà il freddo con neve a bassa quota?
Dopo il caldo arriverà il freddo con neve a bassa quota?
1 di 4
  • Temperature sull’altalena nei prossimi giorni, caldo a inizio febbraio

    Dal weekend e poi per l’inizio della prima settimana di febbraio prepariamoci ad una nuova rimonta dell’anticiclone dalla Penisola Iberica verso il Mediterraneo centrale. Condizioni meteo stabili ed in buona parte anche soleggiate interesseranno l’Italia con un vero e proprio anticipo di primavera. Le temperature subiranno infatti un generale incremento fino a portarsi anche di 8 gradi al di sopra delle medie del periodo.

    Primavera con punte massime che potrebbero sfiorare i +20 gradi

    Tutti i principali modelli sono concordi nel mostrare la nuova rimonta dell’anticiclone con un generale incremento delle temperature sia in quota che al suolo. Anche se i dettagli andranno rivisti con i prossimi aggiornamenti, al momento le temperature alla quota di 850 hPa (1500 metri circa) potrebbero salire fin verso i +10/12 gradi. Questo si tradurrebbe in valori al suolo oltre i +15 su buona parte del Centro-Sud con punte anche di +17/19 gradi specie sulle Isole Maggiori. Confermato a seguire un crollo termico a causa dell’arrivo di aria polare.

    Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.

    Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.

    Prima irruzione fredda di febbraio entro il 10 del mese, vediamo l’evoluzione

    Se l’inizio della prossima settimana potrebbe vedere condizioni meteo da piena primavera, l’inverno potrebbe invece dire la sua con l’avvicinarsi del secondo weekend di febbraio. L’incertezza sulla traiettoria è ancora molto elevata ma l’irruzione fredda verso l’Europa sarebbe comunque supportata dal citato cambio di asse del vortice polare. Il modello GFS con l’ultimo aggiornamento mostra un’irruzione di aria polare verso l’Europa centro-orientale con interessamento anche dell’Italia. Condizioni meteo instabili soprattutto su Adriatico e Sud con neve anche a bassa quota secondo il modello americano.

  • Modello ECMWF: primavera confermata irruzione fredda ridotta

    Anche il modello europeo ECMWF conferma l’anticipo di primavera nei primi giorni di febbraio con un netto aumento delle temperature. Molto più scettico invece sull’irruzione di aria fredda a seguire. Per quanto riguarda l’impianto generale viene confermata una traiettoria simile a quella di GFS con target principale l’Europa orientale. L’intensità e la durata del freddo sembrano però notevolmente ridotti. Dovremmo quindi aspettare almeno il prossimo weekend per capire più nel dettaglio l’evoluzione meteo.

  • Ancora cartucce invernali a febbraio o flusso zonale spazza tutto?

    L’irruzione fredda che dovrebbe realizzarsi entro la fine della prima decade di febbraio è concorde con il cambio di asse del vortice polare. I principali modelli mostrano però a seguire il ritorno di un teso flusso zonale in gradi di spazzare via tutto quel che resta del freddo sull’Europa. In tal caso gli anticiclone sarebbero di nuovo propensi ad espandersi verso il Mediterraneo mentre alle alte latitudini transiterebbero profonde depressioni. L’unica via di uscita potrebbe arrivare da un secondo riscaldamento in stratosfera in grado di portare alla bilobazione del vortice polare.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

SEGUICI SU: