Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 11 Giugno
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – INVERNO meteorologico avviato, ma il FREDDO quando arriverà in ITALIA? Vediamo i dettagli

METEO - L'inverno meteorologico ha avuto inizio senza freddo e neve, dunque quando arriverà? Ecco i dettagli

Tendenza a lungo termine, quando arriva il vero freddo invernale in Italia? Immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 4
  • Inverno meteorologico in avvio già da una settimana

    L’inverno meteorologico, a differenza di quello astronomico che inizierà quest’anno il 22 dicembre alle ore 4.19 UTC, nonché 5.19 ora italiana, è già iniziato da quasi una settimana e precisamente dal 1° dicembre e al momento di freddo se ne è visto veramente poco nel Paese, se non grazie al fenomeno dell’inversione termica che si ha quando i cieli si presentano generalmente sereni e con assenza di ventilazione. Anzi, come vedremo, al momento si tratta di perturbazioni tipicamente autunnali.

    Al momento più autunno che inverno

    Preso atto dell’attuale situazione meteorologica e dello scenario sinottico europeo, si può benissimo dire che al momento l’Italia è ancora interessata da perturbazioni più tipicamente autunnali che invernali, con l’ingresso nel Mediterraneo di correnti perlopiù atlantiche, che fin ora hanno apportato maltempo, ma anche temperature non così basse nel nostro Paese. Stando così le cose, ciò che in molti si staranno domandando è quando tornerà in auge il freddo invernale, cerchiamo dunque di dare una risposta a questa domanda.

    Analisi a lungo termine, serviamoci degli “spaghi”

    Spaghi di Roma.

    Per cimentarci in un’analisi a lungo termine possono sicuramente tornarci utili gli “spaghi”, anche chiamati “spaghetti”. Cosa sono forse sarà noto solo agli addetti ai lavori e agli appassionati della materia, per cui spieghiamo in breve di cosa si tratta: si tratta di un grafico meteo fatto sulla base dell’emissione del modello americano GFS e dai suoi cluster 20 differenti cluster, oltre che il run di controllo. I cluster non sono altro che una variante delle condizioni di contorno che inizializza il modello principale di GFS, varando così tutte le possibili ipotesi. Naturalmente, in linea generale, più la previsione è a breve distanza, minore sarà la differenza tra questi spaghi.

  • Analizziamo gli spaghi di Roma

    Analizziamo dunque gli spaghi della Capitale: in alto troviamo gli spaghi riferiti alla temperatura prevista ad 850hPa (circa 1300 metri di altezza) in basso ci sono gli spaghi delle precipitazioni. Sugli spaghi della temperatura troviamo una linea rossa che non è nient’altro che la media trentennale di riferimento. Com’è noto dagli spaghi dunque, nonostante una fase anche piuttosto perturbata, il freddo rimarrà lontano da Roma e dall’Italia, con le temperature tendenzialmente anche sopra la media del periodo a lungo termine. Cosa vuol dire tutto questo?

  • Continua il trend delle perturbazioni autunnali

    Dall’analisi dettagliata degli spaghi emerge dunque ancora una serie di perturbazioni di tipico stampo autunnale più che invernale, con piogge anche frequenti in arrivo sul nostro Paese e spesso intense, ma che non saranno in grado di apportare un abbassamento delle temperature. In questo modo persino gli Appennini al di sotto della quota di 1500 metri potrebbero vedere nevicare molto difficilmente. Dunque al momento sebbene l’inverno appare ancora lontano, l’autunno continuerà ad essere il vero protagonista di almeno questa prima parte di dicembre.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia e sulla Lombardia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: