Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 24 Maggio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – NUBIFRAGI e forti GRANDINATE in arrivo sull’ITALIA: lista zone colpite

PREVISIONI METEO – Sulla nostra penisola si sta aprendo una fase caratterizzata da molte nubi, piogge ed un generale calo termico. Rischio nubifragi, vediamo i settori maggiormente a rischio

METEO – NUBIFRAGI e forti GRANDINATE in arrivo sull’ITALIA: lista zone colpite
Previsioni meteo, nubifragi e possibili grandinate, vediamo le zone colpite, FOTO Pixabay (repertorio)
1 di 3
  • METEO ITALIA : Nubifragi e grandinate in arrivo, NEVE fino a quote basse. Tutti i dettagli

    Buon pomeriggio e bentrovati a tutti i lettori del Centro Meteo Italiano. La settimana entrante sull’Italia si presenta caratterizzata da tempo fortemente instabile con piogge diffuse, quota neve in calo e locali grandinate. A partire dal pomeriggio odierno e per le successive 48/72 ore infatti il maltempo si abbatterà da Nord a Sud, senza risparmiare alcuna regione, con possibilità precipitazioni molto intense e localmente a carattere di nubifragio. Già in questo pomeriggio la perturbazione è giunta sulle regioni settentrionali portando molte nubi e le prime nevicate lungo l’arco alpino oltre i 1000 metri. Nel corso della sera e della notte i fiocchi potranno spingersi fin verso i 400-500 metri, con possibilità di episodi localmente anche più in basso su Trentino e Appennino romagnolo nelle primissime ore del mattino di domani.

    GRANDINATE in arrivo su molte regioni italiane

    Ciò che maggiormente potrebbe preoccupare, anche sotto il profilo di quei pochi spostamenti che avvengono ancora all’interno dei nostri paesi e delle principali città, è certamente il fenomeno della grandine. Ove i fenomeni risulteranno più intensi infatti non è escluso che possano essere accompagnati da grandinate sparse, specie a ridosso dei rilievi appenninici oltre che su Abruzzo, Lazio, Toscana, Campania, Molise e Puglia a cavallo tra la giornata di oggi e quella di domani.

    Domani un timido miglioramento al Nord

    A partire da domani un timido miglioramento inizierà ad interessare le regioni settentrionali, seppur non sono esclusi ancora fenomeni nevosi a ridosso dei rilievi alpini e appenninici oltre i 400-600 metri. Le schiarite avanzeranno progressivamente da Est e a partire da mercoledì il tempo si presenterà in genere più asciutto. Diversa invece la situazione al Sud Italia: ma fino a quando potrebbe durare questa situazione di maltempo sul nostro Paese?

  • MALTEMPO a oltranza sull’ITALIA? Vediamo fino a quando potrebbero durare pioggia e neve

    In molti si chiedono fino a quando potrebbe durare il maltempo sull’Italia. Questa settimana vedrà ancora dei disturbi, specie sulle regioni meridionali dove nel week end è atteso il transito di un profondo campo di bassa pressione. L’anticiclone tuttavia sembrerebbe essere pronto a invadere la nostra Penisola a partire dalla prossima settimana, coinvolgendo così anche i giorni delle festività pasquali. Le temperature riprenderanno dunque a salire portandosi in media o leggermente al di sopra.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo come sempre di consultare sia il nostro sito e sia il nostro canale Youtube.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU:

Scarica la nostra app