Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – OMEGA BLOCKING si impone sull’ITALIA, ecco cos’è e cosa comporta

METEO - Sull'ITALIA è andata configurandosi una struttura anticiclonica dispiegata ad OMEGA, ecco cosa significa e cosa comporta

Possibile blocco omega secondo il modello europeo
1 di 3
  • Giornata molto simile a quella di ieri

    La giornata odierna dell’Italia risulta molto simile dal punto di vista meteorologico a quella di ieri: persiste la nuvolosità a tratti anche massiccia sulla Sicilia a causa di una circolazione secondaria proveniente da una perturbazione che da diversi giorni sta interessando il Mediterraneo orientale e persiste anche qualche pioggia. Nella fattispecie di oggi le precipitazioni interessano le zone interne del nisseno e dell’ennese, differentemente da ieri dove hanno coinvolto principalmente le zone sudoccidentali regionali. Altrove cieli sereni e temperature prettamente primaverili.

    Anticiclone dispiegato ad omega

    Le condizioni meteo di generale stabilità in Italia sono assicurate da una rimonta anticiclonica di origine afroazzorriana che, disponendosi ad omega, non interessa solo la nostra Penisola, ma anche buona parte del continente europeo. Tale configurazione è anche chiamata in maniera più sintetica e tecnica “omega blocking“. Dal punto di vista puramente fisico non cambia assolutamente nulla: è solamente il nome convenzionalmente attribuito alla configurazione.

    Configurazione ad omega, cosa significa?

    Dal punto di vista fisico dunque non cambia assolutamente nulla: non si tratta dunque di un Anticiclone che porta aria più o meno mite, ma semplicemente di pura convenzione. In meteorologia c’è anche un altro nome attribuito a una configurazione particolare che è quella del Ponte di Woejkoff su cui comunque non ci soffermeremo nel corrente editoriale. La configurazione ad omega si ha quando è presente una figura di Alta pressione, situata al centro tra due saccature di maltempo, come nell’immagine utilizzata come copertina del corrente articolo. Ovvero, quando la “gobba” anticiclonica acquisisce una forma molto simile alla lettera greca da cui prende il nome (“omega”).

  • Perché attribuirgli un nome?

    Qualcuno potrebbe chiedere a questo punto perché attribuirgli un nome, o meglio cos’ha di così importante per farlo. Ebbene, questo perché oltre ad essere anche particolarmente frequente soprattutto nel semestre caldo, esso apporta generalmente un periodo prolungato di stabilità nell’area interessata da tale configurazione. Questo perché l’Alta pressione sita al centro è di fatto “bloccata” dalle due saccature che si azionano ai lati, non consentendole dunque particolari spostamenti. E in effetti è quello che sta accadendo in questo caso: l’Anticiclone interesserà l’Italia per minimo una settimana.

  • Esiste anche la cosiddetta omega “rovesciata”

    Esiste però anche la cosiddetta omega “rovesciata”. Si tratta praticamente di una configurazione che vede una saccatura di maltempo circondata ai suoi lati da due promontori anticiclonici. In questo caso, proprio come la configurazione ad omega “normale” si tratta di un pattern piuttosto duraturo che sarebbe in grado di apportare frequente instabilità nell’area interessata da questa struttura, come spesso è accaduto nel mese di novembre 2019 in Italia.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: