Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 6 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Possibile ASSALTO POLARE in arrivo sull’ITALIA con NEVE a BASSA QUOTA, ecco quando

METEO - CLIMA IMPAZZITO: dopo un INVERNO piuttosto MITE il FREDDO POLARE potrebbe arrivare nei primi giorni di MARZO con NEVE a BASSA QUOTA, i dettagli

Affondo polare in arrivo con un peggioramento meteo che porterà neve a bassa quota
Affondo polare in arrivo con un peggioramento meteo che porterà neve a bassa quota
1 di 2
  • Residua instabilità nella mattinata odierna, miglioramento a seguire

    Nonostante il fronte freddo in questione abbia abbandonato la nostra Penisola già nel corso di questa notte, esso ha lasciato dietro di sé degli strascichi di maltempo sul settore adriatico meridionale. I fenomeni tuttavia sono risultati deboli e occasionali, oltre che piuttosto rapidi e ne hanno risentito gli accumuli che oltre a dimostrarsi disomogenei risultano anche piuttosto scarsi. Migliorato il tempo nel corso di questo pomeriggio su queste aree.

    Alta pressione dominante nei prossimi giorni con valori termici primaverili

    A partire dalla giornata di domani venerdì 21 febbraio si inizieranno a far vedere e sentire in maniera più evidente gli effetti di una nuova rimonta anticiclonica sul nostro Paese, l’ennesima di questo inverno e la prima di matrice sub-tropicale. Ne deriva che le condizioni meteo anche nel prossimo weekend e nei primissimi giorni della prossima settimana saranno generalmente stabili ad eccezione di qualche locale piovasco sull’alto versante tirrenico, il tutto condito da temperature tutt’altro che invernali, diffusamente vicine ai +20°C e in alcuni casi persino raggiungendoli.

    Prossima settimana con possibile assalto polare sull’Italia

    Possibile affondo polare in arrivo in Italia verso i primi giorni del mese di marzo con neve a bassa quota.

    Per quanto riguarda l’evoluzione meteo successiva a quest’ondata di caldo fuori stagione, che farà gridare in molti alla fine di questo inverno (per la verità mai iniziato) spunterebbe in realtà un’ipotesi piuttosto fredda proprio in concomitanza dell’inizio del mese di marzo. Stando alle attuali emissioni modellistiche di uno tra i principali centri di calcolo GFS, sembrerebbe plausibile l’arrivo di un’ondata di freddo polare marittima che riporterebbe la neve a quote basse, vediamo dove.

  • Neve a bassa quota sul versante adriatico?

    Nel caso in cui venisse ovviamente confermata anche nei prossimi giorni l’ipotesi fin qui esposta, causerebbe nevicate a quote decisamente basse in Italia. Stando alle attuali emissioni le zone che potrebbero essere interessate da tale fenomenologia riguardano il versante adriatico, ma non è escluso un parziale interessamento anche delle regioni tirreniche, almeno inizialmente. Logicamente, dopo un inverno in cui il vero protagonista è stato l’Anticiclone, l’ondata di freddo giunge come una novità, soprattutto in virtù del fatto che sia prevista nei primi giorni di marzo, nonché della primavera meteorologica. Tuttavia, non sarebbe la prima volta che a seguito di un inverno piuttosto mite, arrivino ondate di freddo tardive: un esempio lo costituisce ad esempio il marzo del 1998 dove addirittura a fine mese la neve cadde a quote collinari sulle regioni centrali.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: