Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 24 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Possibile ONDATA di FREDDO ARTICO in arrivo in ITALIA per un’improvvisa elevazione dell’ANTICICLONE in Atlantico, ecco quando

METEO - AGGIORNAMENTO SHOCK del modello americano GFS che mostrerebbe l'arrivo del freddo artico per il finire della prima decade di febbraio, ecco le novità

Possibile ondata di freddo in prima decade di febbraio, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Una perturbazione porta i suoi effetti sulle regioni centro-settentrionali

    Un’ondata di maltempo sta interessando in queste ore le aree centro-settentrionali della nostra Penisola, a causa dell’affondo di una saccatura di origine nordatlantica di provenienza groenlandese. Ciò ha riportato in Italia un po’ di instabilità che ha coinvolto e sta coinvolgendo in queste ore regioni come Emilia-Romagna, Liguria e regioni centrali tirreniche, con fenomeni solo localmente intensi, ma generalmente moderati.

    Neve localmente a bassa quota

    Nel corso della nottata appena trascorsa la componente più fredda della matrice di aria che sta in queste ore interessando il nostro Paese ha causato un abbassamento piuttosto rapido della quota neve col passare delle ore in particolare nelle aree interposte tra l’entroterra genovese e il basso alessandrino. Qui la neve è scesa infatti fin sui 500/600 metri e nel corso di questa mattina è nuovamente in rialzo.

    Pazza ipotesi GFS per la prima decade di febbraio

    Freddo in arrivo dai quadranti nordorientali sul finire della prima decade di febbraio, secondo il modello americano GFS.

    Nel corso di questa mattina i principali centri di calcolo, in particolare quello americano GFS, hanno presentato importanti cambiamenti nell’evoluzione meteo prevista per la prima decade di febbraio. Mentre negli aggiornamenti passati sembrava pressoché certa una rimonta anticiclonica, in quelli mattutini, in special modo nell’emissione relativa alle 00utc, il modello americano GFS mostrerebbe l’arrivo del freddo artico sul finire della prima decade di febbraio. Entriamo maggiormente nel dettaglio.

  • Improvvisa elevazione dell’Anticiclone delle Azzorre in Atlantico favorisce uno scambio meridiano con la discesa del freddo sull’Italia

    Stando dunque sempre all’emissione relativa all’aggiornamento mattutino delle 00utc del modello americano GFS, essa mostrerebbe un’improvvisa elevazione dell’Alta pressione di origine azzorriana in sede atlantica, che piegherebbe successivamente su Isole Britanniche e Scandinavia, favorendo la discesa del freddo artico fin su latitudini più meridionali, interessando la nostra Penisola. Un’ondata di freddo così mostrata da GFS favorirebbe il ritorno della neve a quote medio-basse diffusamente sul settore centro-settentrionale. Tuttavia, data la divergenza con il “collega” inglese ECMWF e la distanza temporale decisamente elevata, è una tendenza che potrebbe subire importanti cambiamenti nel corso dei prossimi aggiornamenti, che vi invitiamo a seguire sul nostro sito.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: