Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 8 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Sei sotto un TEMPORALE e non c’è nulla per ripararti? Alcune norme possono salvarti la vita, ecco quali

METEO - Quante volte può capitare di ritrovarsi lontano da casa e avere a che fare con un TEMPORALE improvviso e di non avere possibilità di ripararsi in automobile? Ecco delle buone norme da seguire, possono salvare la vita

Fulmine, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Situazioni particolari che si provano almeno una volta nella vita

    Calda giornata di estate, si decide di fare una scampagnata, ma nel giro di pochi minuti un temporale termoconvettivo prende vita. Situazione scomoda in cui l’automobile è distante e chiaramente si è lontani da casa. Oppure si è in spiaggia e un temporale si sta improvvisamente formando al largo della costa. Analoghe situazioni capitano a tutti almeno una volta nella vita e spesso nemmeno ci si accorge della reale pericolosità di ciò che sta accadendo in quel momento intorno a noi. In questi casi infatti, se non si seguono determinate norme comportamentali, c’è un buon rischio di rimanere vittime di una folgorazione. Il presente editoriale si pone come obiettivo quello di svelare i comportamenti corretti da seguire in casi come questi.

    Temporale estremamente pericoloso per la propria incolumità

    Non basterebbe un singolo editoriale per spiegare nei minimi dettagli cosa c’è dietro il mondo dei temporali, pertanto ci limitiamo a riassumere i concetti focali alcuni dei quali non sono neanche semplicissimi. Innanzitutto, checché se ne possa pensare, il temporale è estremamente pericoloso per la nostra incolumità a causa dei fulmini che scaturisce. Questo perché i fulmini nella stragrande maggioranza dei casi non presentano dei segni premonitori, apparendo dunque piuttosto improvvisi e colpendo quando meno ce lo si aspetta. E in tal caso, assumere un comportamento errato (anche in maniera involontaria) potrebbe risultare fatale.

    Peli e capelli si drizzano: pericolo imminente, bisogna correre ai ripari

    L’unico segnale possibile ce lo dà il nostro corpo: quando peli e capelli si drizzano significa che il pericolo di essere folgorati inizia ad essere molto elevato, poiché il nostro corpo si sta caricando elettricamente. In questo caso bisogna trovare una soluzione nel più breve tempo possibile. La prima cosa da fare è, se l’automobile si trova nelle vicinanze, rifugiarsi nell’abitacolo. In assenza di ciò, un rifugio al coperto nelle vicinanze. Attenzione: mai rifugiarsi sotto gli alberi (soprattutto se si tratta di conifere) né vicino qualsiasi oggetto che si sviluppa in altezza. Se anche i rifugi dovessero scarseggiare, mettersi in equilibrio su un solo piede oppure accovacciarsi a piedi uniti con la testa tra le gambe stando attenti di non toccare il terreno con altre parti del corpo.

  • Tali rimedi non garantiscono la sopravvivenza, è bene sempre consultare le previsioni del luogo interessato

    Tali rimedi garantiscono la sopravvivenza solo se ci si trova nei pressi della scarica principale: nel caso in cui la scarica principale ci dovesse colpire, non ci sono norme comportamentali che tengono: si muore folgorati e lacerati dal fulmine su due estremità. Quella da cui possiamo proteggerci è infatti la corrente di campo (ovvero quella che scorre sul terreno su cui scarica il fulmine), comunque letale se si sta, ad esempio, a gambe divaricate. E’ per questo che bisogna sempre consultare le previsioni che in questi casi possono salvare la vita.

  • La spiaggia e ancor di più il mare non sono luoghi sicuri nella maniera più assoluta: sono anzi quelli più esposti

    Un’altra situazione molto pericolosa si può presentare in spiaggia (ancor di più in mare). Se si sta avvicinando un temporale è bene allontanarsi immediatamente dall’acqua, in quanto è un buonissimo conduttore di elettricità. La spiaggia non è comunque luogo sicuro, pertanto in questi casi bisogna raggiungere la propria automobile con finestrini rigorosamente chiusi (luogo sicuro, in quanto il fulmine che eventualmente la colpisce scaricherebbe sugli pneumatici e non internamente) o la propria abitazione nel più breve tempo possibile.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: