Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 4 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Un altro CICLONE incombe sull’Europa, ecco TUTTE le CONSEGUENZE: venti FORTISSIMI

METEO: vortice CICLONICO in approfondimento sul Nord Atlantico, andiamo a leggere nel dettaglio in questo editoriale tutte le possibili conseguenze della sua formazione. Sia sull'EUROPA, ma anche e soprattutto sull'ITALIA. Torneranno i venti forti? Sarà di nuovo maltempo a metà della prossima settimana?

METEO – Un altro CICLONE incombe sull'Europa, ecco TUTTE le CONSEGUENZE: venti FORTISSIMI
METEO: I dettagli del ciclone in formazione nel Nord Europa
1 di 4
  • METEO: vortice CICLONICO in approfondimento sul Nord Atlantico, tornano venti fortissimi sull’Europa, vediamo i dettagli e le conseguenze

    PREVISIONI METEO – Dopo Ciara, arriva la seconda minaccia per l’Europa. L’esteso flusso di correnti umide e perturbate che continua a scorrere lungo le medio-alte latitudini del nostro continente, continua ad essere accompagnato dalla formazione di profondi campi di bassa pressione che tendono ad influenzare n nuovo vortice ciclonico tenderà ad approfondirsi a partire da domani sull’Atlantico settentrionale, raggiungendo valori pressori fin verso i 925 hPa. In particolare, questo dato potrebbe essere anche più importante rispetto a quello registrato qualche giorno fa (circa 940 hPa). Il tutto avviene in un contesto di clima decisamente mite e caldo sulle nazioni europee, con temperature ben al di sopra della media stagionale.

    Quali conseguenze sull’Italia?

    L’approfondimento di un nuovo centro depressionario andrà inevitabilmente a richiamare nuove masse di aria calda in collisione verso il Mediterraneo, almeno per la prima parte della prossima settimana. Lunedì e martedì, seppur con molta nuvolosità in transito, la colonnina di mercurio si manterrà su valori decisamente livellati e oltre la media stagionale. I venti torneranno quindi a soffiare moderati o forti dai quadranti occidentali al Centro-Nord.

    Quali conseguenze sull’Europa?

    Ben più complicate potrebbero essere le conseguenze sull’Europa. L’approfondimento del nuovo ciclone darà vita a giornate caratterizzate a forti piogge e venti oltre i 100 km/hr sul Regno Unito, Francia settentrionale, Paesi Bassi, Germania e Danimarca. Anche in questo caso non sono esclusi danni sui settori maggiormente esposti alle raffiche, così come avvenuto con la tempesta Ciara di qualche giorno fa. Andiamo però a dare un rapido sguardo invece quanto potrebbe avvenire in Italia nei prossimi giorni ed in particolar modo nella prossima settimana.

  • Ciclone che va, fronte freddo che viene: la tendenza sull’Italia per la prossima settimana

    Così come avvenuto nei giorni scorsi, la prossima settimana potremmo assistere al passaggio di un nuovo fronte freddo sull’Italia a seguito del transito dell’intenso nucleo depressionario lungo le alte latitudini europee. La quota neve questa volta potrebbe raggiungere anche quote ben inferiori rispetto a quanto avvenuto nella giornata odierna, ma per il momento è molto presto per parlare di ulteriori dettagli e saranno necessari nuovi aggiornamenti da parte dei principali centri di calcolo.


  • Il week end a cui stiamo andando incontro sarà comunque caratterizzato da bel tempo e sole prevalente su tutta la Penisola, con qualche disturbo che sarà possibile soltanto al Nord con il transito di innocua nuvolosità medio-alta.


  • Per tutti i dettagli vi invitiamo come sempre a seguire sia il nostro sito che il nostro canale Youtube.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: