Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 7 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Nubifragio lampo poco fa: strade invase dal fango e locali della Polizia sott’acqua. Numerosi interventi dei Vigili del fuoco in Toscana, nel pisano

Forte temporale colpisce il pisano. Allagamenti e disagi in provincia

Torna il maltempo, colpita la Toscana. Immagine di repertorio
1 di 4
  • Torna il maltempo in Italia

    Dopo intere settimane caratterizzate da temperature miti e tanto sole ( a parte la parentesi perturbata al nord-ovest e sulle Isole), torna il maltempo in Italia. Con la giornata odierna si è definitivamente conclusa l’ottobrata e le prime piogge hanno colpito il nord e la Toscana, generando anche alcuni disagi e allagamenti su quest’ultima regione.

    Prime forti piogge al centro-nord

    Dunque, con oggi si è aperto un lungo periodo instabile, che interesserà tutta l’Italia ma che risulterà più intenso e continuo al nord e lungo le regioni Tirreniche, oltre che sulla Sardegna. Questo avverrà a causa di correnti atlantiche che già nella giornata odierna hanno fatto irruzione al nord Italia e sull’alto Tirreno, determinando forti e temporali anche intensi, che ancora in queste ore stanno agendo sull’alta Toscana. L’instabilità nei prossimi giorni colpirà un po’ ovunque, soprattutto i settori tirrenici e le relative coste con nubifragi altamente possibili. Le temperature subiranno un calo, riportandosi verso le medie.

    Nubifragio nel pisano poco fa

    Primi disagi a causa delle forti piogge, soprattutto tra Liguria di levante e Toscana. Proprio qui, un nubifragio ha colpito la zona di Pisa, determinando alcuni allagamenti. Un primo forte temporale si è verificato questa mattina, seguito poi da una pausa e da nuove intense precipitazioni che sono in atto ancora adesso in zona, così come su gran parte delle province del nord della regione. Il forte temporale ha mandato sott’acqua gli spogliatoi della polizia municipale e altri locali di servizio nell’edificio della Sesta Porta nel centro di Pisa. Inoltre, come riportato da “quinewspisa.it”, allagamenti si sono avuti anche in zona Stazione in via Corridoni e via Vespucci, mentre a Porta a Lucca sono stati resi attivi gli impianti di pompaggio in via Lucchese e via Bargigli.

  • Allagamenti e disagi vicino l’aeroporto

    Allagamenti con lievi disagi si sono verificati nel quartiere vicino all’aeroporto, con la chiusura temporanea di alcune strade, e nei pressi della stazione ferroviaria. Non sono mancati lievi disagi al traffico nemmeno del centro della città e alcuni allagamenti. Proprio in queste ore sulla zona sta agendo un temporale auto-rigenerante, con tanta pioggia e altri allagamenti, prestare attenzione. Nel corso delle prossime ore, le piogge potrebbero essere ancora intense nella zona del pisano e si estenderanno un po’ a tutta la Toscana, per poi progredire verso sud-est nella giornata di domani, quando raggiungeranno tutto il centro Italia.

  • Fine settimana con nuovo peggioramento

    Giovedì vivremo ancora una giornata piuttosto instabile al centro-sud, mentre per venerdì è da attendersi una pausa. Questa pausa risulterà di breve durata e il maltempo potrebbe risultare nettamente più incisivo nel corso del fine settimana, soprattutto al nord. La parte più attiva della perturbazione resterà centrata sulla Francia ma lo spostamento parziale verso est della saccatura, finirà per portare intenso maltempo anche in parte della nostra penisola, segnatamente al centro-nord.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo tra l’altro ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: