Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 28 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

PREVISIONI METEO – PEGGIORAMENTO in arrivo in ITALIA con PIOGGE, TEMPORALI e intense NEVICATE, tutti i dettagli

PREVISIONI METEO - Saccatura NORDATLANTICA in arrivo sull'ITALIA a partire da domani, forte MALTEMPO con PIOGGE, TEMPORALI e anche NEVICATE imperverseranno sulla Penisola, ecco i dettagli

Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 4
  • Stabilità già agli sgoccioli in Italia

    Le condizioni meteo di generale stabilità che avvolgono l’Italia già da qualche giorno a questa parte, sono destinate ad avere vita breve a causa della discesa di una nuova saccatura di origine nordatlantica dopo quella del weekend passato, che causerà forte maltempo e nevicate a quote anche medio-basse sulla nostra Penisola a partire dalla giornata di domani venerdì 24 gennaio. Vediamo nel dettaglio cosa aspettarci da questo peggioramento imminente.

    Neve dai 500/600 metri tra Liguria e Piemonte

    Per quanto riguarda in particolare la sera di domani venerdì 24 e le prime ore di sabato 25 gennaio, le precipitazioni risulteranno piuttosto diffuse sul versante tirrenico settentrionale e localmente anche piuttosto intense. La componente fredda della matrice d’aria in discesa sulla nostra Penisola, causerà un abbassamento della quota neve fin sui 500/600 metri tra l’interno genovese e il basso Piemonte. Quota neve in esponenziale risalita man mano che ci si avvicina al cuneese, dove la neve scenderà dai 700/800 metri.

    Neve dai 600/700 metri anche in Emilia

    Peggioramento in arrivo in Italia grazie alla discesa di una saccatura di origine nordatlantica.

    Sempre tra la sera di domani e le prime ore di sabato 25 gennaio la neve a quote medio-basse non interesserà però solo l’area ristretta descritta nel precedente paragrafo, ma cadrà anche sull’Emilia. Qui i fiocchi scenderanno fin sui 600/700 metri e localmente anche più in basso nelle aree poste ai piedi dell’Appennino Tosco-Emiliano (lato occidentale). Neve che entro la mattina di sabato scenderà anche in Trentino a quote comunque intorno agli 800/900 metri.

  • Piogge e temporali al centro-nord

    Tra la serata di domani venerdì 24 e la giornata di sabato 25 gennaio non solo la neve, ma anche piogge accompagnate da attività elettrica si manifesteranno nella maggior parte delle regioni centro-settentrionali del Paese, in particolare sul versante tirrenico. La Toscana sarà quella maggiormente colpita dai fenomeni a tratti anche intensi, con accumuli che risulteranno anche moderati. Altrove i fenomeni risulteranno più deboli e meno diffusi, con l’Abruzzo che a parte qualche locale eccezione nelle zone interne, rimarrà pressoché all’asciutto.

  • Entro domenica i fenomeni si espanderanno anche sulle regioni meridionali

    Entro la giornata di domenica 26 gennaio i fenomeni si espanderanno però anche sulle regioni meridionali, ad iniziare dalla Sicilia già a partire dalla mattinata. L’instabilità si estenderà poi rapidamente verso oriente, avvolgendo la maggior parte del sud Italia entro il pomeriggio. Il maltempo continuerà a sferzare sulle regioni meridionali per tutta la serata di domenica e per almeno la prima parte di lunedì 27 gennaio, con un miglioramento al centro-nord.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: