Domenica 21 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

Almeno 31 bambini sono morti per una possibile intossicazione legata ai litchi. C’è paura e preoccupazione tra la popolazione in India

Almeno 31 bambini sono morti per una possibile intossicazione legata ai litchi. Lo riferiscono fonti locali indiane

Almeno 31 bambini sono morti per una possibile intossicazione legata ai litchi. Popolazione precoccupata in India, foto: Pixabay.com
  • Morti almeno 31 bambini in India

    Almeno 31 bambini sono morti nell’India settentrionale negli ultimi 10 giorni a causa di una malattia cerebrale mortale, legata ad una sostanza tossica trovata nel frutto del litchi, hanno detto riferito i funzionari della sanità. Le morti sono state segnalate da due ospedali nel distretto di Muzaffarpur, nello stato del Bihar, una zona nota per i suoi abbondanti frutteti di litchi che prosperano nel clima tropicale della regione in estate, come hanno riportato Ilpost.it, Ilfattoquotidiano.it e telegraph.co.uk

    I sintomi

    Tutte le persone colpite hanno mostrato sintomi di sindrome da encefalite acuta (AES), un’infezione virale mortale trasportata dalle zanzare e caratterizzata da febbre alta e infiammazione del cervello. I focolai della malattia si sono verificati a Muzaffarpur e nei suoi distretti limitrofi per più di 20 anni, con il 2014 che ha visto la più grande perdita di vite umane quando oltre 150 morti in India sono stati collegati alla malattia.

    Il frutto dannoso per i bambini

    Il frutto popolare può essere particolarmente dannoso per i bambini, specialmente quando è acerbo e mangiato a stomaco vuoto. Si ritiene che il dolce frutto traslucido induca una fatale malattia metabolica chiamata encefalopatia ipoglicemica nei bambini, specialmente tra coloro che sono giovani e consumano una dieta povera. Questo perché la metilenciclopropilglicina (MCPG), una sostanza chimica presente nel litchi, influenza il funzionamento del cervello quando i livelli di zucchero nel corpo sono bassi a causa del digiuno o della denutrizione. I dati ufficiali hanno registrato il numero di casi di AES segnalati finora quest’anno a 48, con un aumento rispetto ai 40 del 2018. Finora, comunque il governo locale ha confermato solo 11 decessi attribuiti ad AES.

  • Il Ministero della Salute indiano ha istituito una squadra specializzata

    Una squadra specializzata per contenere la malattia, alla luce del numero crescente di casi, è stata istituita dal ministero della salute e del benessere della famiglia  martedì. Si teme che i casi AES possano aumentare nei prossimi mesi tra i bambini denutriti che vivono nei pressi dei giardini di lychee nelle zone rurali soggette alle inondazioni. Ashok Kumar Singh, un alto funzionario sanitario, ha dichiarato: “Il dipartimento della salute ha già emesso un avviso per le persone che si prendono cura dei propri figli durante l’estate calda quando la temperatura diurna supera i 40 ° C (104 F).”

    Perdita di glucosio nel sangue

    La maggior parte dei bambini che sono morti negli ospedali di Muzaffarpur hanno subito un’improvvisa perdita di glucosio nel sangue, e almeno altri 40 bambini che hanno lamentato sintomi simili sono stati trattati in unità di terapia intensiva.

  • I bambini non devono mangiare  litchi a stomaco vuoto

    Le zone rurali soggette a inondazioni sono più a rischio per i bambini, quando il frutto viene raccolto commercialmente a maggio e giugno, secondo gli esperti. Nitish Kumar, il primo ministro del Bihar, ha sottolineato l’importanza dei genitori che impediscono ai loro figli di mangiare litchi a stomaco vuoto.

  • Le dichiarazioni del primo ministro

    Nitish Kumar ha dichiarato “Sembra che negli ultimi due anni ci sia stato un calo nel numero di casi, ma questa volta ha colpito ancora una volta. La campagna di sensibilizzazione non è stata fatta correttamente“. Non vi è alcun rischio immediato per il pubblico in generale che mangia litchi da supermercati, negozi convenienti o da frutteti se sono altrimenti sani.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: