Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 18 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Ansia, l’esercizio fisico moderato e intenso allevia i sintomi anche in caso di disturbi cronici

Fare esercizio fisico intenso allevia i disturbi dell'ansia secondo un nuovo studio

Ansia, l’esercizio fisico moderato e intenso allevia i sintomi anche in caso di disturbi cronici
Ansia, l'esercizio fisico moderato e intenso allevia i sintomi anche in caso di disturbi cronici (Foto Pixabay)
1 di 2
  • Ansia, l’esercizio fisico moderato e intenso allevia i sintomi anche in caso di disturbi cronici. Ecco perché

    Sia l’esercizio moderato che quello intenso alleviano i sintomi dell’ansia, anche quando il disturbo è cronico, secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Göteborg. Lo studio, ora pubblicato sul Journal of Affective Disorders, si basa su 286 pazienti con sindrome d’ansia, reclutati dai servizi di assistenza primaria a Göteborg e nella parte settentrionale della contea di Halland. La metà dei pazienti viveva nell’ansia da almeno dieci anni. La loro età media era di 39 anni e il 70% erano donne, come riporta sciencedaily.com. Leggi anche: Ecco qual è il momento migliore per andare a dormire e ridurre il rischio di problemi cardiaci

    Lo studio

    I partecipanti sono stati assegnati casualmente a sessioni di esercizi di gruppo, moderate o faticose, per 12 settimane. I risultati mostrano che i loro sintomi di ansia sono stati significativamente alleviati anche quando l’ansia era una condizione cronica, rispetto a un gruppo di controllo che ha ricevuto consigli sull’attività fisica secondo le raccomandazioni della salute pubblica. La maggior parte degli individui nei gruppi di trattamento è passata da un livello di base di ansia da moderata a elevata a un livello di ansia basso dopo il programma di 12 settimane. Leggi anche: Una proteina è legata all’aumento del rischio di diabete di tipo 2 secondo un nuovo studio

    L’importanza dell’esercizio faticoso

    Precedenti studi sull’esercizio fisico nella depressione hanno mostrato chiari miglioramenti dei sintomi. Tuttavia, fino ad ora mancava un quadro chiaro di come le persone ansiose siano colpite dall’esercizio. Il presente studio è descritto come uno dei più grandi fino ad oggi. Entrambi i gruppi di trattamento hanno avuto sessioni di allenamento di 60 minuti tre volte a settimana, sotto la guida di un fisioterapista. Le sessioni includevano sia l’allenamento cardio (aerobico) che quello della forza. Un riscaldamento è stato seguito da un allenamento circolare di circa 12 stazioni per 45 minuti e le sessioni si sono concluse con defaticamento e stretching. I membri del gruppo che si esercitavano a un livello moderato avevano lo scopo di raggiungere circa il 60 percento della loro frequenza cardiaca massima, un grado di sforzo valutato come leggero o moderato. Nel gruppo che si è allenato più intensamente, l’obiettivo era raggiungere il 75% della frequenza cardiaca massima e questo grado di sforzo è stato percepito come elevato.Leggi anche: Dormire col pigiama può aggravare l’insonnia: ecco i risultati di una ricerca

    CONTINUA A LEGGERE

  • I risultati

    Per coloro che si sono allenati a un’intensità relativamente bassa, la possibilità di miglioramento in termini di sintomi di ansia è aumentata di un fattore 3,62. Il fattore corrispondente per coloro che si sono allenati a maggiore intensità è stato di 4,88. I partecipanti non erano a conoscenza dell’allenamento fisico o della consulenza che le persone al di fuori del proprio gruppo stavano ricevendo. “C’è stata una significativa tendenza al miglioramento dell’intensità, ovvero, più intensamente hanno esercitato, più i loro sintomi di ansia sono migliorati“, afferma Malin Henriksson, che lavora presso l’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg, specialista in medicina generale. I trattamenti standard odierni per l’ansia sono la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e i farmaci psicotropi. Tuttavia, questi farmaci hanno comunemente effetti collaterali e i pazienti con disturbi d’ansia spesso non rispondono alle cure mediche. Anche i lunghi tempi di attesa per la CBT possono peggiorare la prognosi.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia