Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

L’aria pulita e l’assenza di inquinamento sono fattori importanti per avere un cervello sano

La salute del cervello migliora in assenza di inquinamento? I dettagli

L’aria pulita e l’assenza di inquinamento sono fattori importanti per avere un cervello sano
L'aria pulita e l'assenza di inquinamento sono fattori importanti per avere un cervello sano, ecco tutti i dettagli Foto PixaBay.com
1 di 2
  • L’aria pulita e l’assenza di inquinamento sono fattori importanti per avere un cervello sano, ecco tutti i dettagli

    La ricerca sull’inquinamento atmosferico e il declino cognitivo indicano che un’aria più pulita può ridurre il rischio di Alzheimer e altre demenze. I ricercatori affermano che i loro studi sull’inquinamento atmosferico e sul declino cognitivo, uno che coinvolge gli esseri umani e uno con i topi, forniscono prove che un’aria più pulita può ridurre il rischio di Alzheimer e altre demenze. La ricerca è stata pubblicata su Alzheimer’s & Dementia: The Journal of Alzheimer’s Association

    Lo studio

    Il lavoro di due ricercatori dell’USC ha collegato l’inquinamento atmosferico a un maggior rischio di malattia di Alzheimer. Le automobili e le fabbriche producono un particolato fine noto come PM2.5 che gli studi condotti dall’USC hanno collegato alla perdita di memoria e al morbo di Alzheimer. Più piccole della larghezza di un capello umano, queste minuscole particelle rappresentano un grosso problema. Una volta inalati, passano direttamente dal naso verso l’alto e nel cervello, oltre la barriera emato-encefalica che normalmente protegge il cervello dalla polvere o da altri invasori, come riporta sciencedaily.com. Leggi anche: E’ allerta influenza dal Regno Unito, gli esperti adesso temono fino a 60 mila vittime

    I risultati

    Il professore universitario Caleb Finch e il professore associato di gerontologia e sociologia Jennifer Ailshire, entrambi della USC Leonard Davis School of Gerontology, si sono concentrati sull’inquinamento da PM2.5. L’esposizione a lungo termine al PM2,5 è stata collegata alla morte prematura, in particolare nelle persone con malattie cardiache o polmonari croniche. La ricerca dell’Ailshire, pubblicata all’inizio di quest’anno sul Journal of Alzheimer’s Disease, ha mostrato una forte associazione tra deficit cognitivi e inquinamento atmosferico tra le persone con livelli di istruzione inferiori. Da leggere anche Vaccino Moderna stoppato per i più giovani in Danimarca e Svezia: ecco i motivi

    CONTINUA A LEGGERE

  • La qualità dell’aria

    I dati sulla qualità dell’aria hanno mostrato che i livelli medi annuali di PM2,5 nei quartieri dei partecipanti allo studio erano inferiori del 25% rispetto ai livelli del 2004. In particolare, nel 2014, pochissimi dei partecipanti allo studio vivevano in luoghi con una media annua di PM2,5 che superava gli standard di qualità dell’aria dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti. Ciò ha ulteriormente suggerito che i miglioramenti con il declino cognitivo erano collegati a un calo dell’esposizione ad alto inquinamento tra gli anziani. La ricerca di Finch sui topi, pubblicata all’inizio di quest’anno sul Journal of Alzheimer’s Disease, ha anche trovato prove di una minore neurotossicità dell’inquinamento atmosferico nel tempo. Finch e Ailshire sottolineano che i loro risultati non possono valutare i potenziali benefici dei miglioramenti dell’inquinamento atmosferico sul rischio di declino cognitivo e demenza. Sebbene i livelli di PM2,5 siano diminuiti a livello nazionale dal 2009 al 2016, gli aumenti anno su anno osservati dal 2017 mostrano che i miglioramenti nella qualità dell’aria possono essere invertiti, come è avvenuto a Los Angeles.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia