Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 21 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Crisanti scettico sui dati dei contagi: “Sono falsati, siamo a 50 mila casi giornalieri…”

Crisanti è scettico sui dati dei contagi: ecco le parole del microbiologo

Crisanti scettico sui dati dei contagi: “Sono falsati, siamo a 50 mila casi giornalieri…”
Crisanti scettico sui dati dei contagi: "Sono falsati, siamo a 50 mila casi giornalieri..." - Foto Ansa

Crisanti scettico sui dati dei contagi: “Sono falsati, siamo a 50 mila casi giornalieri…”. Le parole del microbiologo

Il microbiologo Crisanti sostiene che i contagi reali giornalieri da Covid sarebbero molti di più e lancia un monito, affermando che attualmente gli infetti vengono sottostimati nel calcolo, giacché per l’esperto i positivi si aggirerebbero intorno ai 50/70 mila al giorno. Il direttore del Dipartimento di Microbiologia Molecolare dell’Università di Padova, da un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano, avrebbe sostenuto questa dichiarazione sulla base del numero dei decessi registrati negli ultimi 4-5 giorni, il quale si aggirerebbe intorno agli 80/100 circa.

Il dato sui contagi

Proprio questo numero tanto elevato, sarebbe infatti molto indicativo sul dato complessivo effettivo dei contagi. Infatti, spiega il microbiologo, che il decesso avviene circa 15/20 giorni dopo aver aver contratto l’infezione e pertanto sostiene sulla base di ciò che a 15/20 giorni indietro i contagi reali non sarebbero 8/9 mila come viene riportato sul bollettino del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore della Sanità, bensì 35/40mila. Quindi si tratta di un numero ben 5 volte superiore rispetto a quello ufficialmente dichiarato dalle fonti istituzionali.

Il numero reale di contagi

Il professore pone l’accento sul numero dei contagi reali partendo dal numero dei decessi degli ultimi giorni e sostiene con un certo allarmismo, che il dato falsato possa essere attribuibile al numero dei tamponi effettuati per recarsi al lavoro o piuttosto utilizzati come lasciapassare sociale. Infatti, sempre a detta dell’esperto, questi tamponi hanno una sensibilità che può oscillare in modo decisamente compromettente a secondo del tipo di test usato e della mano dell’operatore che lo effettua. E pertanto, secondo Crisanti, ci sarebbe una percentuale che si aggirerebbe intorno al 50% di falsi negativi che a loro volta infetterebbero altre persone.

CONTINUA A LEGGERE

La variante Omicron

A tutto ciò bisogna anche aggiungere il problema della variante omicron ormai diffusa nel nostro Paese, infatti la sua trasmissibilità è molto più elevata rispetto alla variante Delta, senza considerare che si trasmette più velocemente e soprattutto in presenza di persone anche vaccinate. Il professore si è espresso molte volte anche sul green pass usato con lo scopo di raggiungere il più alto numero di persone vaccinate pur ribadendo che la sua durata attuale non avrebbe alcun fondamento scientifico. Infine ancora sui tamponi e sull’ipotesi paventata spesso di prolungare la durata a 72 ore, Crisanti non giustifica in alcun modo tale scelta perchè ritiene che una persona possa infettarsi in qualsiasi modo dopo averlo fatto o essere infetto a livelli non percepibili durante il prelievo ma avere una carica virale alta, trascorsi tre giorni.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per importanti siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia passione innata per il giornalismo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia