Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

La nuova mutazione della variante Delta fa tremare Israele e Regno Unito

Torna a farsi preoccupante la situazione dei contagi sia in Israele che in Gran Bretagna a causa della nuova variante

La nuova mutazione della variante Delta fa tremare Israele e Regno Unito
Covid-19 (foto: Pixabay)
1 di 2
  • La situazione epidemiologica nel Regno Unito torna a farsi preoccupante

    Ieri sono stati quasi 50.000 i nuovi positivi da COVID-19 mentre le persone decedute, circa 200, hanno fatto segnare un nuovo picco dallo scorso marzo. Il dato, al netto dei riconteggi relativi ai giorni precedenti, piuttosto usuali nei primi giorni post week end, ha destato un nuovo allarme. Nonostante, al momento, la situazione dei nosocomi britannici rimanga ancora sotto il livello di guardia, il “liberi tutti” dello scorso 19 luglio fortemente voluto dal Governo inglese, è tornato sul banco degli imputati. A preoccupare fortemente è il prossimo arrivo della stagione invernale che, accompagnata da un brusco rallentamento della campagna vaccinale e da alcuni intoppi strutturali nel sistema sanitario nazionale, fanno temere in un percorso piuttosto impegnativo nei mesi a venire. A peggiorare la situazione è l’arrivo di una nuova sotto variante del COVID-19 che potrebbe appesantire ulteriormente la situazione. Da leggere anche Green Pass, si lavora alla modifica delle regole in Europa

    La situazione attuale

    Nonostante la recente impennata di nuovi positivi, l’impatto epidemiologico è ancora sotto controllo. Il Premier Johnson, in una recente esternazione, non ha drammatizzato la situazione pur valutando negativamente il rallentamento della campagna vaccinale ed auspicandone una nuova ripresa che porterebbe ad immunizzare anche quel 20% di incerti che ancora resistono nel Regno Unito. La situazione ospedaliera, ribadisce Johnson, è ancora nella norma e, nonostante una crescente attenzione da parte delle autorità, al momento, non sono previste restrizioni di sorta per limitare il contagio.

    Le differenti posizioni politiche in Gran Bretagna

    Le rassicurazioni dell’esecutivo britannico sembrano aver attenuato le preoccupazioni dell’opinione pubblica che è, in buona parte, contraria alle limitazioni delle libertà personali ed all’utilizzo delle mascherine. Di differente avviso, naturalmente, i detrattori del Governo Johnson che , per voce di Antony Costello (ex esponente britannico dell’OMS), parlano di un Regno Unito ai vertici nella classifica per rapporto tra contagi e popolazione nonostante un numero di decessi ancora contenuto soprattutto se paragonato a quanto sta accadendo in Russia che sta per entrare in una nuova fase di lockdown. La recrudescenza dei contagi, in ogni caso, sta interessando significativamente anche altre aree dell’Est Europa (come la Lettonia), ma non risparmia neppure Paesi più scrupolosi come la Francia. CONTINUA A LEGGERE…

  • La nuova variante AY4.2

    Intanto una nuova variante del ceppo originario sta facendo capolino. Si tratte della AY4.2 che è stata già tracciata in Israele (in un ragazzino di undici anni proveniente dalla Moldavia) e nel Regno Unito. La nuova evoluzione virale sembra è essere maggiormente trasmissibile rispetto alla variante Delta, ma il potenziale impatto della nuova Omega (il nuovo nome scientifico attribuito alla AY4.2) non è ancora noto e la comunità scientifica si sta attivando per approfondire maggiormente gli studi in merito.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per importanti siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia passione innata per il giornalismo.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia