Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 22 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

Super antibiotici, ecco come si sconfiggono i batteri killer

Esami clinici dimostrano che i super antibiotici possono sconfiggere i batteri killer: ecco come funzionano

super antibiotici
Super antibiotici, ecco come si sconfiggono i batteri killer - Foto PixaBay
1 di 3
  • Super antibiotici, ecco come si sconfiggono i batteri killer

    Negli ultimi anni i batteri sono diventati sempre più resistenti agli antibiotici: lo sviluppo dei cosiddetti batteri killer ha infatti reso “meno efficace” del solito il trattamento antibiotico. Ma a questa evoluzione dei virus ha risposto la scienza con i super antibiotici: a margine del convegno organizzato a Genova dalla Fondazione Internazionale Menarini, come riporta to daIlMessaggero.it, il Presidente della Società Italiana Terapia Antinfettiva (Sita) Matteo Bassetti ha parlato di antibiotici “innovativi” che eviterebbero circa 3mila decessi l’anno solo in Italia per malattie varie.

    I nuovi super antibiotici

    Secondo studi e test clinici di fase 3 i nuovi super antibiotici (alcuni sono già pronti, altri ancora in fase di sviluppo) diminuiscono la mortalità dal 50-55% al 10-15% se utilizzati per trattare batteri particolarmente forti. Appunto, i batteri killer che in pochi anni hanno ucciso migliaia di persone nel mondo. Come funzionano questi super antibiotici? Essi, spiega IlMessaggero.it, agiscono inibendo gli enzimi betalattamasi (il “veleno”) prodotto dai batteri per aggirare l’antibiotico. In questo modo la nostra salute sarebbe più al sicuro. Ma c’è un problema…

    L’intoppo

    “Al momento – ha spiegato il Prof. Bassetti durante il convegno – sono soltanto 12 nel mondo le nuove molecole in fase avanzata di sviluppo clinico in antibioticoterapia, a fronte delle oltre 700 in oncologia. Il paradosso è che i progressi in chirurgia, trapiantologia e oncologia permettono oggi di salvare molte più vite. Vite che però rischiamo di perdere a causa di infezioni ospedaliere da germi resistenti. Alcuni antibiotici antitumorali ovrebbero essere utilizzati più precocemente, anche in maniera empirica, soprattutto per i pazienti più gravi, in cui un ritardo nell’inizio di una terapia giusta può essere fatale”. L’appello servirà ad accelerare le ricerche?

  • Antibiotici, gli italiani ne prendono troppi

    É allarme antibiotici in Italia: il Ministero della Salute ha pubblicato nei giorni scorsi, sul suo sito ufficiale, un rapporto dettagliato che dimostra il consumo eccessivo di antibiotici da parte degli italiani, in particolare al Sud, nelle isole e in Trentino-Alto Adige, ben oltre la media europea. Un’abitudine sì pericolosa per la salute, ma che allo stesso tempo permette ai batteri di diventare più forti e resistenti a quella che finora è stata la cura più forte per diversi virus.

    Il rapporto del Ministero della Salute

    Il Ministero della Salute fa presente sul sito Salute.Gov.it che nel 2018 il consumo di antibiotici è stato pari a 21,4 dosi giornaliere ogni 1000 abitanti (nel 2017 era di 20,9 ogni 1000 persone) e di queste l’85% delle dosi sono state erogate a carico del servizio sanitario nazionale. Il Sud, la Sicilia e la Sardegna guidano la classifica geografica di consumo antibiotici con il 20,4% dei casi, seguiti dal centro (16,9%) e dal Nord (12,7%, in cui però come detto spicca particolarmente il Trentino-Alto Adige). Fa riflettere anche il dato sui bambini: quasi un bimbo su 2 ha assunto antibiotici entro il primo anno di vita e il dato è rimasto costante almeno fino a sei anni di età.

    Altri dettagli sullo studio

    Il Ministero della Salute ha spiegato che l’uso inappropriato di antibiotici in Italia supera il 30%, a eccezione della bronchite acuta che non può essere trattata altrimenti. Nel 2018 il 33,1% di persone con influenza, raffreddore o laringotracheite acuta ha ricevuto una prescrizione di antibiotico, un altro 30,9% era affetto da faringite o tonsillite acuta. Per queste malattie delle vie aeree non è necessario l’antibiotico, bastano altri tipi di medicine: in caso contrario, a lungo andare, l’organismo arriva ad inibire l’effetto degli antibiotici avendo così un’arma in meno per combattere infezioni importanti. Cosa fare dunque? Il Ministero, che ha lanciato un appello per ridurre di gran lunga il consumo di antibiotici, a prescindere dall’età dell’individuo, è già al lavoro per attuare delle restrizioni nella prescrizione degli stessi. L’obiettivo è fare in modo che le persone li assumano solo se davvero necessario.

  • Che cos’è l’antibiotico

    L’antibiotico è un medicinale utilizzato per curare o prevenire le infezioni causate da batteri. Esso è in grado di uccidere i batteri stessi e/o di prevenire la loro moltiplicazione e diffusione all’interno dell’organismo e la trasmissione ad altre persone, ma non ha efficacia contro influenza, raffreddore, tosse e mal di gola. È fondamentale che l’antibiotico sia prescritto dal medico e che ne vengano rispettate scrupolosamente le dosi, le modalità e la durata della terapia da lui indicate al fine di ottenere i massimi benefici dalla terapia e prevenire lo sviluppo dell’antibiotico-resistenza.

    (Fonte IsSalute.it)

    Come agiscono gli antibiotici

    Le molecole di antibiotico, spiega SapereSalute.it, inibiscono lo sviluppo dei batteri attraverso meccanismi di azione differenti, ma gli obiettivi sono comunque sempre gli stessi a prescindere dal tipo di antibiotico: distruggere l’involucro protettivo esterno della cellula batterica e interferire con le reazioni biochimiche che le consentono di sopravvivere e di riprodursi. In questo modo l’organismo viene protetto dalle infezioni e non si rischiano complicazioni.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Reda

Giornalista pubblicista dal 2013, esperto e specializzato in calcio e altri sport ma anche spettacoli tv, attualità, cronaca, salute e alpinismo. Musicista semi professionista, batterista e cantante dall'infanzia. Tifoso e appassionato della AS Roma ma anche di serie tv e cinema.

SEGUICI SU: