Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Un nuovo studio rivela che lo zinco potrebbe davvero aiutare a curare il raffreddore

Lo zinco fa bene per il raffreddore? Ecco cosa dicono alcune ricerche

Un nuovo studio rivela che lo zinco potrebbe davvero aiutare a curare il raffreddore
Un nuovo studio rivela che lo zinco potrebbe davvero aiutare a curare il raffreddore (Foto Pixabay)
1 di 2
  • Un nuovo studio rivela che lo zinco potrebbe davvero aiutare a curare il raffreddore – I dettagli

    Nel 1771, il medico tedesco Hieronymus David Gaubius presentò alla comunità scientifica occidentale “un farmaco con molte promesse“, ovvero lo zinco. A distanza di oltre 200 anni, lo ritroviamo tra i tanti integratori sugli scaffali delle farmacie. È anche noto per essere una delle rare cose che potrebbe aiutare a combattere un comune raffreddore. Una nuova meta-analisi di 28 studi controllati ha ora rafforzato l’idea che l’integrazione di zinco potrebbe prevenire i sintomi e ridurre la durata delle infezioni respiratorie virali, come il comune raffreddore o l’influenza. Lo studio è stato pubblicato su BMJ Open.

    La ricerca

    Si pensa comunemente che il ruolo dello zinco nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni sia solo per le persone carenti di zinco; i nostri risultati sfidano davvero questa nozione“, afferma la dottoressa di medicina integrativa Jennifer Hunter della Western Sydney University in Australia, come riporta sciencealert.com. Due studi cinesi hanno scoperto che lo spray nasale allo zinco a dosi molto basse ha ridotto il rischio di malattie cliniche. Due studi più piccoli negli Stati Uniti hanno valutato gli effetti preventivi dello zinco hanno escluso le persone carenti di zinco. Quando lo zinco è stato preso come misura preventiva, l’analisi ha rilevato un rischio inferiore del 28% di sviluppare sintomi più lievi e un rischio inferiore dell’87% di sviluppare sintomi moderatamente gravi. Leggi anche: Diabete di tipo 2: ecco quali sono i primi segnali da non trascurare

    Gli effetti dello zinco

    Come trattamento, preso dopo essersi ammalati, è stato anche scoperto che lo zinco riduce leggermente il tempo in cui i sintomi si perdono. Di solito, l’assunzione di zinco riduce i sintomi peggiori di circa due giorni. Questo è un effetto abbastanza minimo, soprattutto se si considera che i sintomi sono rimasti altrettanto gravi nel complesso. Inoltre, se il paziente viene intenzionalmente infettato da un virus del raffreddore, lo zinco non impedisce loro di contrarre la malattia. Questa analisi è un interessante passo avanti, ma i ricercatori avvertono anche che alcuni degli studi inclusi erano piccoli, non confrontavano gli stessi dosaggi e potevano includere errori nella segnalazione dei sintomi. Leggi anche: L’ECDC lancia l’allarme influenza: quest’anno potrebbe avere gravi conseguenze, ecco i motivi

    CONTINUA A LEGGERE

  • I risultati

    Sebbene i risultati siano interessanti, non possono dirci molto su come lo zinco possa effettivamente frenare un’infezione virale come un raffreddore. Per un po’ nel 19° secolo, lo zinco è stato usato per curare l’epilessia. Alcune linee guida sanitarie raccomandano lo zinco orale per coloro che combattono le infezioni delle vie respiratorie inferiori e la recente pandemia di COVID-19 ha riportato alla luce il suo potenziale. Alcuni dosaggi di zinco possono, tuttavia, comportare effetti collaterali non gravi, come nausea o, come è comune quando si usa troppo spray nasale allo zinco, una perdita dell’olfatto. Serviranno ulteriori studi per comprendere meglio il ruolo dello zinco.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia