Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 27 Dicembre
Scarica la nostra app

Il Monte Bianco sta accelerando il processo di slittamento: rischio maxi crollo sempre più elevato. Ecco cosa sta accadendo, diretta video

Rischio crollo parte del Monte Bianco: sta aumentando la velocità di slittamento

Il Monte Bianco sta accelerando il processo di slittamento: rischio maxi crollo sempre più elevato. Ecco cosa sta accadendo, diretta video
A rischio crollo una parte di ghiacciaio. Foto:Pixabay
1 di 4
  • Monte Bianco, a rischio crollo parte del ghiacciaio

    Come riportato da “ilsecoloxix.it”, prosegue l’accelerazione della parte frontale del ghiacciaio Planpincieux (circa il 10% della massa totale) che nelle ultime 24 ore è scivolato verso valle di 90 centimetri, contro i 60 centimetri indicati.  Questo è quello che riferisce il bollettino di aggiornamento diffuso dalla Regione Valle d’Aosta e dalla Fondazione montagna sicura di Courmayeur. Resta molto alta quindi l’allerta per questa montagna, a causa di uno scivolamento che sembra accelerare sempre più con l’avanzare dei giorni.

    Blocco di ghiaccio che scivola a 90 cm al giorno

    Come si legge su “tg24.sky.it”, si tratta di un blocco frontale di circa 27 mila metri cubi, pari al 10% del totale, ha accelerato la propria velocità di slittamento fino a 90 centimetri al giorno. Diversa la situazione invece per la parte posteriore del ghiacciaio, da 250 mila metri cubi, più consistente, che sta continuando a muoversi di circa 30-35 centimetri. Resta alta l’allerta per il blocco di ghiaccio più consistente, secondo Fabrizio Troilo, glaciologo della Fondazione Montagna sicura.

    Impossibile prevedere il crollo

    Anche se, attraverso l’attento monitoraggio del monte, è possibile comprenderne la velocità di movimento e di scivolamento del ghiacciaio, gli esperti spiegano che non è possibile prevedere se e quando il ghiacciaio si staccherà dalla montagna. In via precauzionale, il sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, ha deciso di chiudere una parte della strada che porta in Val Ferret, perché l’eventuale distaccamento del ghiacciaio potrebbe comprometterne seriamente la viabilità.

  • Monitoraggio continuo del ghiacciaio

    Ormai da giorni il Monte Bianco è sotto stretto monitoraggio e proprio poco fa si è capito che la parte anteriore ha aumentato la velocità di slittamento, raggiungendo i 90 cm in 24 ore. Un eventuale distacco determinerebbe danni ingenti per la viabilità nei pressi della strada che porta in Val Ferret ma non sembrerebbe compromettere abitazioni ne tanto meno la nota località di Courmayeur, che si trova nelle vicinanze dal ghiacciaio sotto stretta osservazione.

  • Ghiacciai ad elevato rischio, il video in diretta

    L’aumento delle temperature sono una delle principali cause di quanto sta accadendo. Anche un grado più del normale determina enorme sofferenza per i ghiacciai, 15 gradi più del normale, ad esempio,  ne determinano l’inevitabile collasso. Si tratta di un cambiamento molto importante e sottovalutato ma che ormai è davvero sotto gli occhi di tutti noi. Di seguito potrete seguire la diretta video (Local Team) dalla località di Planpinceux, a pochi km di distanza da Courmayeur.

  • Temperature sempre più alte e ghiacci in crisi

    Purtroppo, le temperature sempre più elevate stanno mettendo in seria difficoltà numerosissimi ghiacciai e proprio le zone più a nord del Pianeta stanno risentendo maggiormente di questa situazione. Un’altra chiara testimonianza è arrivata da quanto sta accadendo in questi giorni sul nostro Monte Bianco, dove la possibilità di un maxi crollo di una parte della montagna continua ad aumentare giorno dopo giorno.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: