Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 22 Ottobre
Scarica la nostra app

Il vulcano adesso fa paura: è la più grande eruzione degli ultimi 300 anni. Sta salendo l’allarme, video dal Perù

Intensa eruzione del vulcano Ubinas in Perù. Aumenta notevolmente l'attività esplosiva ed eruttiva

Perù, itorna in eruzione il maggior vulcano del Paese.. Foto:Pixabay
1 di 4
  • Perù, il vulcano Ubinas aumenta l’attività esplposiva

    Quando si fa riferimento ai vulcani più pericolosi che ci sono nel mondo, non si può fare a meno di citare il Popocatépetl che si trova a soli 70 chilometri da Città del Messico e che anche nelle ultime settimane ha fatto parlare di se. Scendendo un po’ più a sud, c’è anche un altro vulcano molto importante, ed è Ubinas, in Perù.

    Esplosioni intense ed emissioni di cenere

    Diverse esplosioni e intense emissioni di cenere hanno interessato il vulcano Ubinas, situato nella regione meridionale del Perù, a Moquegua. Tale attività, che è andata notevolmente aumentando nel corso delle ultime 48 ore, ha portato l’Istituto Geofisico del Perù (IGP) a chiedere di alzare il livello di allerta sull’arancio.

    La più grande eruzione da oltre 300 anni

    L’eruzione principale del vulcano è avvenuta nella giornata di ieri, quando la nuvola di cenere espulsa, secondo le immagini satellitari analizzate dal VAAC di Buenos Aires, è arrivata fino a 12,2 km sul livello del mare. La cenere è tuttora in sospensione e si pensa possa arrivare a colpire anche diverse città ad est del vulcano in questione, non solo del Perù ma anche della Bolivia. Questa è stata la più grande eruzione del vulcano Ubinas in 342 anni, considerandola un VEI 3.

    (Fonte:www.attivitasolare.com)

  • Istituto Geofisico del Perù (IGP)

    Come riportato da “alertageo.org”, l”aumento dell’intensità dell’attività del vulcano, il più attivo del paese, si è verificato dopo diversi giorni in cui le autorità hanno rilevato fumo ed  emissioni di gas nel cratere della montagna, che rimane ad un’altezza notevole, oltre 5.300 metri di altitudine. L’Istituto Geofisico del Perù ha rilasciato diverse dichiarazioni: “Allo stato attuale, sono state registrate esplosioni e un aumento dell’attività sismica correlate a intense emissioni di cenere che colpiscono i villaggi della valle di Ubinas; di conseguenza, si raccomanda alle autorità di innalzare il livello di allerta vulcanica dal giallo all’arancio ” ha affermato nella sua principale. Inoltre, sempre l’IGP ha anche spiegato che nel corso dei prossimi giorni sono previste nuove esplosioni ed emissioni di cenere che raggiungeranno un’altezza ancora maggiore di quella delle ultime ore.

  • Allerta arancione, sale la preoccupazione

    Come detto l’allerta sta diventando arancione e questo livello di allarme arancione richiesto dall’IGP è dato quando le colonne vulcaniche di un vulcano superano un chilometro di altezza, valore considerevole. Preoccupazione in aumento per città e soprattutto villaggi situati ad est del vulcano in questione. Di seguito un video (alertageo.org – twetter EST PLUV ALTAMIRA Cs), che riprende l’eruzione principale avvenuta ieri, seguita da nuove esplosioni nelle ultime ore.

    ➡ Internacionales 19/JUL:
    EL volcán Ubinas en Perú entró en
    erupción.
    ☆ Columna de cenizas 7km de altura sobre nivel del cráter (Caen en algunos
    poblados cercanos).
    ☆ Alerta volcánica "Naranja"
    Vía: CDN pic.twitter.com/Q1qOyIxY11

    — EST PLUV ALTAMIRA Cs (@pluvaltamira) July 19, 2019

  • Seguiteci sul nostro canale Youtube

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nel weekend e poi per la prossima settimana sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo anche ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: