Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 6 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – NUBIFRAGI ancora in arrivo con una nuova PERTURBAZIONE, la Protezione Civile emette ALLERTA METEO, ecco le città interessate

METEO ITALIA - Forti TEMPORALI anche a carattere di NUBIFRAGIO in ritorno sul nostro Paese, la Protezione Civile emette ALLERTA

Shelf cloud, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 4
  • Forte instabilità al sud con danni e disagi

    La giornata odierna è stata caratterizzata da un’ondata di forte instabilità soprattutto sulle regioni meridionali del Paese a causa degli effetti di un ciclone mediterraneo che si è posizionato nel corso della mattinata nel tratto di mare compreso tra la Sardegna e la Sicilia, causando oltre che violenti nubifragi in regioni come Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia, anche raffiche di vento tempestose, localmente oltre i 150km/h.

    Maltempo anche al centro-nord, ma più “ordinario”

    Il maltempo non ha interessato però unicamente le regioni meridionali del Paese, ma anche quelle del centro-nord. In questi settori l’instabilità si è mostrata però prettamente di “ordinaria amministrazione” scaricando generalmente un accumulo di pioggia che rientra nella normalità di una perturbazione autunnale. L’unica notizia di rilevanza è l’alta marea a Venezia, che ha causato qualche allagamento alla Basilica di San Marco che ha riscontrato dei danni alle colonne e ai mattoncini dell’edificio (l’acqua ha raggiunto i 70 centimetri di altezza).

    Domani nuova ondata di maltempo in arrivo

    Mappa relativa al bollettino meteo emesso dalla Protezione Civile e valido per domani 13 novembre. Fonte: http://www.protezionecivile.gov.it/home.

    Nella giornata di domani mercoledì 13 novembre si avrà un generale miglioramento delle condizioni meteo al nord, mentre persiste qualche nota di maltempo al centro-sud e soprattutto nelle regioni meridionali, dove i rovesci colpiranno ancora ad intermittenza fino ad almeno il pomeriggio. Una nuova perturbazione intanto si fa largo dai quadranti occidentali e interesserà i settori sardi più meridionali, apportando fenomeni anche intensi e possibilmente accompagnati da attività elettrica.

  • Ecco il bollettino della Protezione Civile

    Riassunto brevemente il quadro meteorologico italiano delle prossime ore, vi riportiamo il bollettino di vigilanza meteorologica emesso oggi dalla Protezione Civile e valido per domani: Precipitazioni: sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Friuli Venezia Giulia e settori tirrenici di Lazio meridionale, Campania, Basilicata e Calabria centro-settentrionale, con quantitativi cumulati moderati; da isolate a sparse, localmente anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto del Triveneto, su Lombardia orientale, Emilia-Romagna, Liguria di Levante, resto delle regioni centrali peninsulari, resto del Meridione e, dal pomeriggio, sulla Sardegna occidentale, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati. Nevicate: al di sopra dei 600-800 m sui settori alpini della Lombardia orientale e del Triveneto, con apporti al suolo moderati, localmente abbondanti sul Friuli Venezia Giulia. Visibilità: nessun fenomeno significativo. Temperature: in locale sensibile diminuzione, nei valori minimi sulle regioni di Nord-Ovest e sui settori ionici, nei valori serali sul Nord-Est. Venti: forti con raffiche di burrasca dai quadranti occidentali su Sardegna, Sicilia, sui settori tirrenici del meridione peninsulare e localmente sui settori costieri del Lazio e dai quadranti meridionali sui settori ionici peninsulari e sulla Puglia, tendenti a generale attenuazione; localmente forti settentrionali sui settori alpini centro-occidentali ed occidentali sui settori costieri dell’Adriatico settentrionale. Mari: al mattino, molto agitati il Mare ed il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia e lo Ionio settentrionale; da molto mossi ad agitati tutti i bacini centro-meridionali e localmente molto mossi i restanti mari, con moto ondoso in generale e graduale attenuazione. Fonte: http://www.protezionecivile.gov.it/home.

  • Allerta arancione, ecco dove

    Sulla base di quanto scritto nel bollettino che vi abbiamo riportato in precedenza, il Dipartimento di Protezione Civile ha valutato queste allerte per domani: Per la giornata di domani, Mercoledì 13 novembre 2019: MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA ARANCIONE: Basilicata: Basi-E2, Basi-E1. MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA ARANCIONE: Basilicata: Basi-E2, Basi-E1. MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA ARANCIONE: Basilicata: Basi-E2, Basi-E1. ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDRAULICO / ALLERTA GIALLA: Basilicata: Basi-B, Basi-C, Basi-A2, Basi-A1, Basi-D. Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jonico Settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Settentrionale. Friuli Venezia Giulia: Bacino dell’Isonzo e Pianura di Udine e Gorizia, Bacino di Levante / Carso. Lazio: Bacini Costieri Sud. Lombardia: Alta pianura orientale. Puglia: Bacini del Lato e del Lenne. Veneto: Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige. ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO TEMPORALI / ALLERTA GIALLA: Abruzzo: Bacino Basso del Sangro, Bacino Alto del Sangro. Basilicata: Basi-B, Basi-C, Basi-A2, Basi-A1, Basi-D. Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jonico Settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Settentrionale. Molise: Alto Volturno – Medio Sangro. Puglia: Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Salento, Bacini del Lato e del Lenne, Basso Fortore, Puglia Centrale Bradanica, Basso Ofanto, Sub-Appennino Dauno, Gargano e Tremiti, Puglia Centrale Adriatica. Sicilia: Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Sud-Orientale, versante ionico, Bacino del Fiume Simeto, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Centro-Settentrionale, versante tirrenico. ORDINARIA CRITICITA’ PER RISCHIO IDROGEOLOGICO / ALLERTA GIALLA: Abruzzo: Bacino Basso del Sangro, Bacino Alto del Sangro. Basilicata: Basi-B, Basi-C, Basi-A2, Basi-A1, Basi-D. Calabria: Versante Tirrenico Centro-settentrionale, Versante Jonico Meridionale, Versante Jionico Centro-meridionale, Versante Jonico Centro-settentrionale, Versante Jonico Settentrionale, Versante Tirrenico Meridionale, Versante Tirrenico Centro-meridionale, Versante Tirrenico Settentrionale. Campania: Basso Cilento, Piana campana, Napoli, Isole e Area vesuviana, Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele, Piana Sele e Alto Cilento, Tanagro. Emilia Romagna: Bacini romagnoli, Bacini emiliani centrali, Bacini emiliani orientali. Friuli Venezia Giulia: Bacino dell’Isonzo e Pianura di Udine e Gorizia, Bacino del Livenza e del Lemene, Bacino di Levante / Carso, Bacino montano del Tagliamento e del Torre. Lazio: Bacini Costieri Nord, Bacini Costieri Sud, Roma, Appennino di Rieti, Bacino Medio Tevere, Bacino del Liri, Aniene. Lombardia: Laghi e Prealpi orientali, Orobie bergamasche. Molise: Litoranea, Frentani – Sannio – Matese, Alto Volturno – Medio Sangro. Puglia: Tavoliere – bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle, Salento, Bacini del Lato e del Lenne, Basso Fortore, Puglia Centrale Bradanica, Basso Ofanto, Sub-Appennino Dauno, Gargano e Tremiti, Puglia Centrale Adriatica. Sicilia: Nord-Orientale, versante tirrenico e isole Eolie, Sud-Orientale, versante Stretto di Sicilia, Sud-Orientale, versante ionico, Bacino del Fiume Simeto, Centro-Meridionale e isole Pelagie, Sud-Occidentale e isola di Pantelleria, Nord-Orientale, versante ionico, Nord-Occidentale e isole Egadi e Ustica, Centro-Settentrionale, versante tirrenico. Veneto: Piave pedemontano, Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige, Alto Piave.
    Interessati quindi dall’allerta tutti i capoluoghi di Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Molise, Lazio e i seguenti: Napoli, Salerno, Avellino, Brescia, Udine, Trieste, Gorizia, Pordenone, Belluno.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Vi invitiamo, come sempre, a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: