METEO: Settimana Santa variabile in ITALIA con temporali, pioggia anche a Pasqua?

Pubblicato da Francesco Cibelli

Settimana Santa con tempo in miglioramento, quali le condizioni meteo per Pasqua in Italia?

Segnala
Tempo instabile e temporali nei prossimi giorni, poi anticiclone - pixabay.comTempo instabile e temporali nei prossimi giorni, poi anticiclone - pixabay.com
  • Tempo instabile nelle prossime ore

    Nella giornata di oggi ancora condizioni meteo instabili o perturbate sulle regioni del Sud Italia mentre altrove ci attendiamo un generale miglioramento. Il minimo di bassa pressione, che ieri ha portato piogge e temporali soprattutto al Centro-Nord, oggi si sposta verso Calabria e Sicilia insieme alla goccia d’aria fredda presente in quota. Già in queste prime ore del giorno piogge e temporali su segnalano su Molise, Puglia, Calabria e Sicilia ma anche nel pomeriggio interesseranno un po’ tutte le regioni del Sud. Condizioni meteo in miglioramento al Centro-Nord salvo qualche pioggia pomeridiana su Alpi e Appennino. Ma come evolverà il tempo durante la Settimana Santa?

    Tempo in stabile poi anticiclone

    Immagine del satellite: molte nuvole e piogge sparse - sat24.com

    Immagine del satellite: molte nuvole e piogge sparse – sat24.com

    Come si può vedere anche dall’immagine da satellite, molte nuvole interessano oggi la nostra Penisola ma nel corso dei prossimi giorni avremo sicuramente più sole. Attenzione però perché tra domani e dopodomani saranno ancora possibili acquazzoni e temporali pomeridiani soprattutto su Alpi e Appennini. Nella seconda parte della Settimana Santa però l’anticiclone dovrebbe guadagnare terreno sul Mediterraneo centrale portando un netto miglioramento delle condizioni meteo su gran parte dell’Italia. Atteso anche un generale rialzo delle temperature con valori in linea o poco sopra le medie del periodo, specie al Sud. Sole e clima mite anche per Pasqua? O potrebbe tornare il maltempo?

  • Ultimi aggiornamenti meteo per Pasqua

    Stando alle ultime uscite del modello GFS, il weekend di Pasqua dovrebbe vedere condizioni meteo asciutte su buona parte dell’Italia. Presente infatti un vasto campo di alta pressione che dall’Atlantico si estende fino alla Scandinavia. Attenzione però che le previsioni presentano un certo margine di incertezza. Sulla Penisola Iberica sarà infatti presente una circolazione depressionaria con aria più fredda in quota, la quale potrebbe anche spostarsi verso l’Italia. Secondo il modello GFS questo avverrebbe nella giornata di Pasquetta, che quindi potrebbe essere nuvolosa e bagnata, ma occorrerà aspettare i prossimi aggiornamenti meteo. Piuttosto simile il modello ECMWF con Pasqua asciutta e Pasquetta piovosa.

  • Ultima decade di aprile più calda

    Spaghi del modello GFS per l'Italia centrale - wetterzentrale.com

    Spaghi del modello GFS per l’Italia centrale – wetterzentrale.com

    L’evoluzione meteo per la fine di aprile resta ancora non decifrabile, specie se siamo interessati a dettagli di livello locale. Quello che però si può vedere dagli spaghi del modello GFS ormai da qualche giorno è una tendenza ad un certo rialzo delle temperature in almeno due periodi: uno tra il 19 e il 22 e l’altro tra il 25 e il 29. In questi periodi le temperature potrebbero salire oltre le medie del periodo dandoci i primi assaggi d’estate. D’altra parte anche le precipitazioni presentano numerosi picchi che fanno quindi presupporre frequenti temporali pomeridiani soprattutto su Alpi e Appennini.

  • Vi invitiamo dunque a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter