Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 31 Maggio
Scarica la nostra app

Terremoto Mar Adriatico, Meletti (INGV): “Rischio di altre scosse, in caso di magnitudo più alta possibile tsunami”. Ecco tutti i dettagli

Il Direttore della Sezione di Pisa dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Carlo Meletti - intervistato da "Fanpage.it" - ha parlato della sequenza sismica in corso nel Mar Adriatico

Terremoto Mar Adriatico, Meletti (INGV): “Rischio di altre scosse, in caso di magnitudo più alta possibile tsunami”. Ecco tutti i dettagli
La terra trema a nord-est di Roma: sciame di boati e micro terremoti tra Cretone e Capena. Ecco cosa sta succedendo Fonte foto: ansa.it
1 di 3
  • Terremoto, continua la sequenza sismica nel Mar Adriatico Centrale

    Sta continuando a tremare la terra nell’Adriatico e anche nella giornata di oggi numerose le scosse sopra il terzo grado. Ieri invece una nuova scossa sopra il quarto grado è stata intensamente avvertita dalla popolazione. Dalla giornata di sabato 27 marzo 2021, è in corso una intensa sequenza sismica nel Mar Adriatico Centrale (MARE). Le scosse più forti sono state registrate dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle ore 14:47 e alle 15:00, rispettivamente di magnitudo 5.2 e 4.1, con ipocentro a 5 e 10 chilometri di profondità Nel corso della giornata di ieri, poi, si sono verificate altre scosse magnitudo pari o superiore a 4.0: alle 15:13 di magnitudo 4.1 e ipocentro a 7 km di profondità e alle 15:21 di magnitudo 4.0 e ipocentro a 11 km. In generale, dalle 15:27 di ieri, alle 11:08 di oggi, domenica 28 marzo 2021, l’INGV ha registrato oltre 60 scosse di terremoto di magnitudo compresa tra 2.0 e 3.4. FORTE TERREMOTO NEL MAR ADRIATICO: SCOSSA AVVERTITA ANCHE IN ITALIA

    Terremoto Mar Adriatico, Maletti (INGV): “Rischio di altre scosse”

    In queste ore è in corso una sequenza sismica nel Mar Adriatico e il Direttore della Sezione di Pisa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Carlo Meletti – intervistato da “Fanpage.it” – ha sottolineato come dopo la scossa più forte, vi siano già ste diverse repliche, ma ora “non sappiamo cosa potrà succedere, ci saranno sicuramente altre scosse come spesso accade in questi casi“. Meletti, però, ha aggiunto che non si può sapere se vi sarà o meno un sisma più forte. TERREMOTO, SEQUENZA SISMICA IN CORSO NEL MAR ADRIATICO: I DATI UFFICIALI INGV

    Maletti (INGV): “In caso di magnitudo più alta possibile tsunami””

    Il Direttore della Sezione di Pisa dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Carlo Meletti – intervistato da “Fanpage.it” – ha spiegato che in caso di sisma di magnitudo ancor più forte “quello che non è successo e che potrebbe avvenire è uno tsunami“. Meletti sottolinea come ogni qualvolta avviene un terremoto in mare si va subito a verificare che non ci siano maremoti e poi in merito alla magnitudo registrata finora aggiunge: “In questo caso la magnitudo è al limite del valore dal quale ci si può aspettare un maremoto“, Meletti, inoltre, ci ha tenuto a precisare come siano molti i fattori che vanno presi in considerazioni e tra questi, ad esempio, vi è profondità. Nella pagina successiva potrete leggere altre informazioni. SCOSSA AL LARGO DELLA SICILIA: I DATI UFFICIALI INGV

    CONTINUA A LEGGERE

  • Terremoto, scossa in provincia de L’Aquila

    Nel corso del pomeriggio di oggi, sabato 27 marzo 2021, esattamente alle ore 18:25, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una lieve scossa di magnitudo 2.1 in Abruzzo, esattamente a Cagnano Amiterno, in provincia de L’Aquila, con ipocentro a 14 chilometri di profondità. L’evento sismico in questo caso è stato localizzato a 22 chilometri a nord-ovest de L’Aquila, a 45 chilometri ad est di Terni, a 48 chilometri ad ovest di Teramo e a 63 chilometri a nord-est di Guidonia Montecelio.

  • Terremoto, scossa nel Mar Ionio Meridionale

    Nel corso della giornata di oggi, sabato 27 marzo 2021, esattamente alle ore 12:26, si è verificata una scossa di magnitudo 2.8 nel distretto Mar Ionio Meridionale, con ipocentro a 15 chilometri di profondità. L’evento sismico in questo caso è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 89 chilometri a sud-est di Modica, a 96 chilometri a sud di Siracusa e a 97 chilometri a sud-est di Ragusa.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia