Venerdì 23 Agosto
Scarica la nostra app

Violenta scossa di terremoto genera tsunami: la corsa disperata della gente per salvarsi – VIDEO

Nel marzo del 2011 una violenta scossa di terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito l'isola di Honshu in Giappone, provocando uno tsunami. Ecco il video delle persone che provano a salvarsi

Violenta scossa di terremoto genera tsunami: la corsa disperata della gente per salvarsi. Fonte foto: Youmedia.fanpage.com
1 di 3
  • Terremoto Giappone, quasi 8 anni dall’incredibile tragedia del 2011

    L’11 marzo del 2011, secondo quanto riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, una violentissima scossa di terremoto di magnitudo 9.0 è stata registrata nell’isola di Honshu in Giappone ed ha fatto tremare tutto il Paese, provocando in un secondo momento un devastante tsunami. I due eventi combinati determinarono la morte di circa 18.000 persone, innescando anche la grave crisi della centrale nucleare di Fukushima.

    Cos’è uno tsunami?

    Speso purtroppo sentiamo parlare di tsunami e non possiamo fare a meno di chiederci cosa si intende esattamente con questo termine? La parola “tsunami” è giapponese e – secondo quanto riportato da “Focus.it” – indica un’onda marina di enormi dimensioni, fortemente carica di energia. Questa onda si sposta con grande velocità e nel momento in cui si avvicina alla costa, a causa della progressiva riduzione della profondità, inizia a crescere fino a quando prende le sembianze di una sorta di muro d’acqua che può arrivare a raggiungere anche un’altezza di circa 10 metri.

    Cosa genera uno tsunami?

    Gli tsunami possono nascere in diversi modi. Secondo quanto riportato da “Focus.it”, a favorire la nascita di queste onde anomale possono essere dei grandi smottamenti lungo le coste, oppure delle violente spinte che arrivano dal fondale dell’oceano. Quest’ultimo, infatti, nel momento in cui si genera un forte terremoto, si muove verso l’alto e verso il basso. Nella seconda pagina potrete vedere lo spaventoso video dello tsunami che si è abbattuto sul Giappone nel 2011, con le persone che fuggono disperate alla ricerca della salvezza.

  • Terremoto Giappone, la gente provò a fuggire in tutti i modi dallo tsunami

    Quando ricordiamo il terremoto che ha colpito il Giappone l’11 marzo del 2011, facciamo riferimento ad uno degli eventi più distruttivi della storia e la seconda catastrofe più grave che ha interessato il Giappone dalla Seconda Guerra Mondiale. In questo video, pubblicato da “Youmedia.fanpage.com” – grazie ad alcuni filmati recuperati in un secondo momento attraverso i sistemi a circuito chiuso – è stato possibile osservera scene di vero panico, con le persone che provavano a mettersi in salvo, fuggendo alla furia distruttiva dello tsunami.

  • Tsunami in Giappone, ecco l’ipotesi degli studiosi sullo tsunami

    Secondo quanto si legge su “Focus.it”, alcuni studiosi canadesi hanno avanzato alcune ipotesi piuttosto originali circa l’origine dello tsunami in Giappone: questi fenomeni catastrofici che in passato hanno interessato le coste giapponesi, in realtà potrebbero essere generati da scosse di terremoto che si registrano lungo la costa occidentale del Nordamerica. Nel caso in cui questa ipotesi dovesse trovare conferme, allora la conseguenza logica sarebbe che l’onda che si è abbattuta nel 2011 sul Giappone ha attraversato l’Oceano Pacifico senza che ciò abbiamo provocato una sostanziale perdita di energia.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.