Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 21 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Continua il GRANDE FREDDO in Spagna, un evento del genere non avveniva dal 1971

METEO - Continuano le temperature fortemente negative in Spagna, specialmente nelle zone interne, un evento simile non accadeva dal 1971

METEO – Continua il GRANDE FREDDO in Spagna, un evento del genere non avveniva dal 1971
METEO - FREDDO RECORD in Spagna, con TEMPERATURE fino a -30 GRADI
1 di 3
  • Cosa succede in Italia? Ecco la situazione meteo in tempo reale

    Salve cari lettori del Centro Meteo Italiano! Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato della grande ondata di freddo che è avvenuta in Spagna e che sta continuando a condizionare il tempo meteorologico grazie alle fredde temperature che si manifestano durante il giorno. La situazione meteorologica sull’italia è piuttosto stabile, grazie alla presenza dell’anticiclone che si sta estendendo dai quadranti occidentali e di cui vi avevamo lungamente parlato nei giorni scorsi. Nubi basse presenti su Liguria, Toscana, Lazio ed in generale sui settori Tirrenici del centro-sud. Molte nubi anche sulle Isole Maggiori ma che al momento non stanno determinando la formazione di precipitazioni. Qualche nevicate sulle Alpi di confine tra Lombardia e Trentino Alto-Adige. Nei prossimi giorni arriverà tempo instabile e freddo, con maltempo che si paleserà su molte regioni del centro-sud. Ma vediamo nel frattempo cosa è accaduto sulla penisola Iberica!

     

    Tanti record di temperatura raggiunti in Spagna

    Nei giorni scorsi si è parlato lungamente delle nevicate che si sono palesate in Spagna, grazie al contributo dell’ondata di freddo intenso (definita da molti la più intensa per caratteristiche termiche degli ultimi 20 anni). Tanti i valori di temperatura negativa che hanno raggiunto punte localmente estreme: il primo valore considerevole è stato estrapolato dalla rete di monitoraggio AEMET dalla stazione di Clot del Tuc de la Llanca, nella regione dell’Aragona (a ridosso della catena dei Pirenei) che ha fatto registrare una temperatura minima di -34.1°C. Valore di 2°C più basso rispetto al record precedente detenuto da una centralina ufficiale in zona registrato nel 1956 di -32°C. Dalla rete di monitoraggio ACAMET questo record è stato ulteriormente abbassato dalla centralina di Vega de Liordes (Léon) con una minima di ben -35.8°C. Ricordiamo che queste stazioni meteorologiche sono situate in luoghi “estremi” dove non vi è traccia di attività antropica. Il freddo sta continuando ad imperversare in Spagna, grazie all’effetto albedo che permette un maggiore raffrddamento del suolo nelle ore notturne.

     

    L’effetto albedo molto elevato sulla Spagna – mappa di previsione ECMWF

    Continuano le minime a doppia cifra negativa

    La neve nei giorni scorsi è stata molto abbondante specialmente nelle aree interne della Spagna, come sulla città di Madrid che registra il quinto giorno di temperatura minima negativa a doppia cifra. questi alcuni dati raggiunti tra ieri e l’altro ieri: -25.4°C nella località di Bello Teruel – stazione AEMET; a Molina di Aragòn -25.2°C. Oltre -10°C raggiunti a Toledo e all’aeroporto di Madrid, così come ad Albacete, Salamanca, Avila, Cuenca e Guadalajara. Proprio negli aeroporti di Madrid e Toledo sono stati bloccati i voli per le difficoltà intercorse sulle piste di atterraggio e decollo. Non si esclude una seconda parte di Inverno inoltre con nuovi episodi nevosi specialmente fra fine Gennaio e inizio Febbraio, grazie agli effetti dello stratwarming stratosferico!

  • Seconda parte dell’Inverno: sarà altrettanto dinamico?

    La seconda parte dell’inverno come preannuunciato col mese di Febbraio potrebbe essere più perturbata e dinamica. Al momento le ultime stime che hanno previsto il riscaldamento stratosferico denominato in letteratura scientifica SSW (Sudden Stratospheric Warming) insieme al superamento della soglia NAM di cui vi abbiamo parlato in precedenza, condizioneranno il bimestre Gennaio-Febbraio con una circolazione atmosferica molto disturbata ed ingressi molto importanti d’aria fredda. Questo viene ipotizzato dal Centro di Calcolo LAMMA Toscano. Per quanto riguarda il centro Europeo ECMWF, il prossimo mese invernale potrebbe risultare in media o lievemente sopramedia sull’Italia con un maggiore apporto di precipitazioni ma senza particolari eventi di freddo. Staremo a vedere cosa accadrà prossimamente con l’avvento dei nuovi aggiornamenti meteo!

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Gabriele Serafini

Appassionato di meteorologia da svariati anni, ho studiato Ingegneria Meccanica presso l'università Roma Tre. Nel 2014 ho fondato Meteo Lazio, che ad oggi vanta una vasta rete di stazioni meteorologiche indipendenti. Mi sono certificato come Tecnico Meteorologo WMO presso il CNR di Bologna nel 2019 ed iscritto presso l'Associazione Meteo Professionisti nel medesimo anno. Infine collaboro con alcune sedi di Protezione Civile nel Lazio per la fornitura di dati meteo, bollettini previsionali e segnalazione di locali criticità.

SEGUICI SU: