Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 27 Maggio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Cronaca: la NEVE torna a fare la propria comparsa in ITALIA ormai alle porte di APRILE, FOTO

METEO - Il FREDDO ARTICO investe nuovamente il nostro Paese con gli ultimi scampoli di INVERNO: la NEVE torna a fare la comparsa sull'Appennino, FOTO

Webcam di Castel di Sangro, immagine fonte caputfrigoris
1 di 3
  • Freddo artico continentale di nuovo in azione in Italia

    Dopo appena una settimana dalla passata ondata di freddo di origine artico continentale e di diretta provenienza russa che aveva riportato la neve fin sulle pianure e le coste del medio-basso versante adriatico dopo oltre un anno che non accadeva, una nuova ondata di freddo della stessa matrice d’aria della precedente sta nuovamente interessando la nostra Penisola. Le zone di interesse sono ovviamente diverse poiché diversa è la configurazione e la dinamica con la quale questa volta ha interessato l’Italia.

    Neve a quote molto basse al nord, neve sull’Appennino nel primo pomeriggio

    Nel corso di questa mattina l’azione della saccatura di origine artico continentale ha fatto si che la neve cadesse a quote molto basse sulle regioni settentrionali e in particolare sui 300/400 metri. Il nord Italia è anche quello che ha maggiormente risentito del calo delle temperature apportato dalla perturbazione stessa. Nel corso di questo primo pomeriggio nevicate a tratti intense si sono riversate anche sull’Appennino e altre ne arriveranno con l’avanzare della serata anche a quote più basse, come vedremo.

    La neve scenderà fin sui 500/600 metri nelle prossime ore in Italia

    Webcam Prati di Tivo in Abruzzo (1450 metri di altezza). Fonte caputfrigoris.

    Le nevicate hanno subito solo un breve e temporaneo stop sull’Appennino: nel corso già dei prossimi minuti esse riprenderanno infatti ad interessare la dorsale appenninica centrale, con la quota neve che si abbasserà in concomitanza dell’avanzare della serata: l’apporto di calore generato dall’irraggiamento solare non può essere più trascurabile quando ormai siamo alle porte di aprile. Nel corso della serata infatti i fiocchi riusciranno scendere fin sui 500/600 metri di altitudine.

  • Piogge su basso Lazio, Campania e medio-basso versante adriatico, con qualche eccezione

    Con il progredire del pomeriggio e l’ingresso della serata il maltempo causato anche da un flusso atlantico che continua a pervadere il Mediterraneo da diversi giorni interesserà in maniera sparsa e localizzata i settori orientali della Sardegna e il basso versante tirrenico, tuttavia con fenomeni deboli e veloci in grado di apportare un accumulo blando. Le piogge interesseranno però in maniera più diffusa grazie all’azione della perturbazione principale di cui abbiamo parlato fin ora il Lazio meridionale, la Campania e il medio-basso versante adriatico, eccezion fatta per la Puglia centro-meridionale, almeno entro la mezzanotte odierna.

  • Ultimi scampoli di inverno

    Saranno questi gli ultimi scampoli di inverno? Stando alle proiezioni attuali dei principali centri di calcolo sembrerebbe proprio di si. Siamo ormai alle porte di aprile e probabilmente è ciò che si aspettano tutti o la maggior parte delle persone. Considerando infatti il freddo e la neve pervenuti durante il trimestre invernale (pressoché nulli), quest’inizio di primavera ha superato qualsiasi possibile aspettativa a fronte di un inverno simile: dall’equinozio di primavera infatti, si è verificato un episodio di neve fino in pianura e uno a quote davvero molto basse, come questa mattina al nord Italia.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: