Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 23 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – NEVE in atto a bassissima quota su parte dell’ITALIA, ecco dove e la tendenza

METEO - NEVE in atto a bassissima quota tra Marche, Abruzzo, Molise e Puglia; nelle prossime ore fiocchi anche in Basilicata e Calabria, domani nuovo peggioramento con altre nevicate a bassissima quota al centro-sud

METEO – NEVE in atto a bassissima quota su parte dell’ITALIA, ecco dove e la tendenza
Neve in atto a bassissima quota tra Abruzzo, Molise e Marche meridionale; foto di repertorio
1 di 3
  • Irruzione fredda sull’Italia

    Meteo – Un nuovo”attacco” artico è in atto sull’Italia. L’espansione dell’anticiclone delle Azzorre sin verso la Scandinavia, ha favorito la discesa di correnti d’aria molto fredda verso l’Europa centro-orientale ed il comparto Balcanico, facendo il suo ingresso anche sull’Italia. Le prime nevicate a bassissima quota hanno interessato la Calabria tirrenica, dove nella serata di ieri la città di Cosenza è stata coinvolta da una fitta nevicata. Attualmente le fredde correnti balcaniche, transitando sul mar Adriatico, tendono a divenire instabili con conseguenti nevicate a bassissima quota sui settori orientali italiani.

    Adriatic-Sea Effect Snow, che cos’è?

    Meteo I fenomeni in atto sui settori adriatici sono accentuati anche dall’Adriati-Sea Effect Snow, ossia la neve da “effetto Mar Adriatico”. Ma di cosa si tratta? E’ un fenomeno analogo a quanto avviene negli Stati Uniti, in particolare nella zona dei Grandi Laghi; le masse d’aria fredde e secche provenienti dai Balcani, tendono ad assorbire calore ed umidità nei bassi strati durante il loro transito sul mar Adriatico, divenendo quindi più instabili, per via di una differenza di densità che si viene a creare con gli strati superiori, favorendo la formazione di nubi e precipitazioni. I fenomeni in questo caso sono spesso irregolari, con accumuli disomogenei.

    Neve tra Marche, Abruzzo, Molise e Puglia

    Meteo – Come anticipato i fenomeni associati all’Adriatic-Sea Effect Snow interessano ovviamente i settori adriatici; in questa prima parte di giornata deboli nevicate irregolari stanno infatti interessando l’Abruzzo, il Molise, le Marche meridionale, la Puglia e l’Appennino campano; i fiocchi sono segnalati fino a 200-300 metri, mentre le tese correnti di Bora, mantengono al momento le temperature più elevate lungo le coste; nelle prossime ore i fiocchi potranno spingersi fino ai 100 metri su Abruzzo, Molise ed entro la fine del giorno anche sulla Puglia. Qualche fiocco non si esclude anche sull’alta Calabria ionica e sulla Basilicata fino a 300-400 metri. Freddo che proseguirà anche nella giornata di domani, quando sono attese nuove nevicate a bassa quota; vediamo maggiori dettagli nella prossima pagina.

  • Domenica con neve e freddo al centro-sud

    Una blanda bassa pressione prenderà forma, in seno al flusso nordoccidentale,  nella giornata di domenica portando un nuovo peggioramento sull’Italia. In particolare saranno ancora una volte le regioni centro-meridionali a vedere la neve a bassa quota, con i fiocchi attesi tra la tarda mattina ed il pomeriggio fino a quote collinari su gran parte delle regioni. Non si escludono fiocchi nel corso del mattino fino a 100-300 metri sulle zone interne del Lazio, Umbria e Toscana, mentre la quota neve risulterà attorno ai 300-500 metri sulle restanti regioni. Dalla sera peggiora anche su Marche ed Abruzzo con fiocchi fino all’immediato entroterra. Rimanete aggiornati!

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: