Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 9 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, obbligo vaccinale: l’Italia pensa al modello greco. Ecco tutti i dettagli

Covid-19, anche in Italia si valuta l'obbligo vaccinale: possibile modello greco, ecco cos'è e da quando entrerebbe in vigore

Coronavirus, obbligo vaccinale: l’Italia pensa al modello greco. Ecco tutti i dettagli
Coronavirus, obbligo vaccinale: l'Italia pensa al modello greco. Ecco tutti i dettagli - Foto Pixabay

Coronavirus, le situazioni corrono ai ripari contro la quarta ondata

Il peggioramento della situazione epidemiologica in atto in tutta Europa, e anche in Italia, sta costringendo le istituzioni a correre ai ripari. La quarta ondata di Coronavirus ha fatto innalzare il livello di allerta, convincendo i Governi ad introdurre ulteriori misure per contenere la diffusione del virus. Lo ha fatto anche l’Italia, istituendo il Super Green Pass. Il rischio, però, è che possa non bastare. Per questo sono allo studio ulteriori provvedimenti.

Obbligo vaccinale? Sì ma ad una condizione

L’obiettivo principale è quello di dare un’ulteriore spinta alla campagna vaccinale, in particolare alle somministrazioni delle terze dosi che serviranno a proteggere la popolazione in vista dei mesi freddi. È per questo motivo che anche l’Italia sta pensando anche all’obbligo vaccinale: il Presidente del Consiglio Mario Draghi, inizialmente contrario, ha aperto all’ipotesi dopo i colloqui avuti negli ultimi giorni con le forze di maggioranza. Ad una condizione, come riporta Ilgiornale.it: l’obbligo, se scatterà, sarà per fasce di età.

Si pensa al modello greco

L’Italia, insomma, guarda al modello greco: obbligo solo per gli over 60. Almeno all’inizio: poi successivamente il Governo potrebbe valutare l’estensione dell’obbligo a tutta la popolazione. Quello dell’obbligo vaccinale non è più un tabù. E si iniziano a valutare le tempistiche: si attenderà innanzitutto la scadenza degli ultimi provvedimenti sul Super Green Pass e obbligo per sanitari e personale scolastico per avere un primo bilancio. Si valuterà quindi l’adesione alla campagna vaccinale, ma anche la situazione epidemiologica.

CONTINUA A LEGGERE

La situazione negli altri Paesi

Se l’Italia deciderà di intraprendere la strada dell’obbligo vaccinale, insomma, non lo farà prima di febbraio. Altri Paesi già hanno deciso in tal senso: in Austria scatterà l’obbligo dal primo febbraio, con il rischio di una multa da 3.600 euro; in Grecia ci sarà una sanzione di 100 euro al mese per gli over 60 non vaccinati; in Germania il vaccino è obbligatorio solo per gli appartenenti alle forze dell’ordine.

Ursula von der Leyen apre, Di Maio frena

Anche Ursula von der Leyen, presidente della commissione Ue, ha aperto all’obbligo vaccinale: “Fino a due tre anni fa non lo avrei mai pensato, ma è tempo di discutere sull’obbligo vaccinale”. In Italia ci sono favorevoli e contrari, ma nel nostro Paese la campagna vaccinale ha raggiunto buoni numeri e per questo, secondo il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, “per ora ci possiamo permettere di non affrontare ancora questo argomento”.

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Biagio Romano

Classe '93, napoletano di nascita, interista di fede. Scrivo sul web da quando avevo 16 anni: prima per hobby, poi per lavoro. Curioso di natura, amo le sfide (soprattutto vincerle). Mi affascinano il mondo dell'informazione e quello della comunicazione.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia