Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 15 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Questi comunissimi sintomi potrebbero essere segnali d’allarme per pericolose patologie

Se avete tre sintomi particolari fatevi controllare, potrebbero essere il segnale per patologie pericolose: tutti i dettagli

Questi comunissimi sintomi potrebbero essere segnali d’allarme per pericolose patologie
Foto PixaBay.com
1 di 2
  • Se compaiono questi sintomi dovete controllare cosa succede al vostro corpo, ecco tutti i dettagli

    Curare (e soprattutto ascoltare) il nostro corpo è molto importante per essere sempre in salute e scongiurare la comparsa di alcune patologie. Quando i sintomi sono chiari ed evidenti è più semplice tenerli sotto controllo, ma come comportarsi se accade qualcosa a cui magari non diamo molto peso e lasciamo correre, mettendo a rischio la nostra incolumità. É il caso di tre particolari sintomi, apparentemente innocui (o quasi), che potrebbero essere campanelli d’allarme per pericolose patologie. Vediamo di cosa si tratta, come riportato da MyPersonalTrainer.it. DORMIRE TROPPO PUÓ ESSERE RISCHIOSO, ECCO PERCHÉ

    I sintomi in questione

    Il primo sintomo in questione è un acuto e brevissimo fastidio al centro del petto, da non confondere con i classici dolori intercostali (in realtà molto simili): se questo fenomeno avviene un po’ troppo spesso sarebbe il caso di fare una visita, specialmente nelle persone un po’ avanti con l’età, perché potrebbe essere il “preavviso” di un infarto specialmente se la fitta è accompagnata da sudorazione e mancanza di respiro. Un altro segnale da non sottovalutare è la perdita eccessiva di peso: in questo caso non si tratta dei risultati di diete o di uno schema alimentare più equilibrato ma di una vera e propria diminuzione di peso senza motivo, il che potrebbe rappresentare la presenza di diabete, ipertiroidismo o addirittura della malattia di Crohn.

    L’altro sintomo da non sottovalutare

    Ultima, ma non in ordine di importanza, è la comparsa di nei o il loro sanguinamento: premesso che almeno una volta l’anno i nei andrebbero fatti controllare da un dermatologo, per evitare brutte sorprese e a maggior ragione se ne compaiono di nuovi, se notiamo del sangue fuoriuscire da uno di essi potremmo essere di fronte all’avvisaglia di tumori alla pelle che se presi in tempo possono essere trattati con successo. L’ATTIVITÁ FISICA INFLUISCE SUL RISCHIO DI ARTROSI, ECCO PERCHÉ

    CONTINUA A LEGGERE

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale YouTube, al quale vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia