Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 31 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Brusco CALO delle TEMPERATURE e della quota NEVE, ecco quando e dove

METEO - Brusco CALO delle TEMPERATURE e della quota NEVE da domani sull'Italia; fiocchi sin verso le colline del centro-sud entro martedì

METEO – Brusco CALO delle TEMPERATURE e della quota NEVE, ecco quando e dove
Domani arriva aria fredda con calo delle temperature, neve localmente a bassa quota
1 di 3
  • Maltempo intenso sull’Italia

    Meteo – Come anticipato durante gli editoriali del mattino, la giornata odierna risulta decisamente perturbata su molte regioni italiane. Una nuova intensa perturbazione, collegata ad una profonda ciclogenesi in azione sulle regioni centrali, sta transitando al centro-sud e sulle due Isole Maggiori. Forti piogge coinvolgono in particolare le regioni centrali tirreniche e la Campania, ma con i fenomeni in estensione nelle prossime ore anche alle restanti regioni meridionali ed al medio Adriatico. Forti venti a rotazione ciclonica, con raffiche attese nelle prossime ore fino a 100 km/h con conseguenti mareggiate lungo le coste esposte.  

    Domani irrompono fredde correnti settentrionali

    Meteo – La bassa pressione presente attualmente sul centro Italia, traslerà nella giornata di domani verso levante; di conseguenza masse d’aria più fredde verranno richiamate verso l’Italia, facendo il loro ingresso nel corso del mattino ad iniziare dalle regioni settentrionali. Non si esclude la possibilità per qualche breve, quanto locale, fenomeno nevoso nel corso del mattino tra il Triveneto e la Lombardia centro-orientale, con fiocchi occasionalmente sin verso i 100-300 metri; non sono previsti accumuli. L’aria fredda si estenderà nella seconda parte di giornata anche alle regioni centrali, con quota neve in calo sin verso i 400-700 metri sull’Appennino Umbro-Marchigiano ed attorno agli 800-1000 metri tra Abruzzo e Lazio.

    Meteo invernale fino a giovedì

    Meteo – L’aria fredda scivolerà lungo il bordo orientale dell’anticiclone delle Azzorre, in rinforzo sull’Europa occidentale, estendendosi anche all’estremo sud nel corso della giornata di martedì, quando saranno possibili deboli nevicate sin verso le quote collinari Peninsulari. Le temperature si porteranno al di sotto delle medie del periodo su tutto il Paese, con possibili gelate al primo mattino sui settori di pianura del centro-nord. Nel corso della giornata di giovedì 28 gennaio si registrerà un graduale addolcimento termico ad iniziare dalle regioni nordoccidentali e del medio Tirreno, per il graduale ingresso di correnti oceaniche più miti. Ma come potrebbe proseguire l’inverno? Vediamolo nella prossima pagina.

  • Inverno dinamico, freddo intenso per febbraio?

    La stagione invernale sta entrando nella sua ultima fase, dopo una prima parte fin qui decisamente dinamica e con temperature a tratti al di sotto delle medie del periodo. Nel corso della prossima settimana, dopo il calo termico descritto in precedenza, le temperature subiranno un graduale addolcimento, portandosi diffusamente al di sopra delle medie del periodo a partire da venerdì 29 gennaio. Il tempo, tuttavia, si manterrà dinamico, con una nuova fase di maltempo già prevista per il prossimo fine settimana. A seguire il mese di febbraio potrebbe trascorrere sulla falsa riga di quello di gennaio, ovvero con frequenti fasi di maltempo e con il freddo intenso che potrebbe tornare ad interessare l’Italia,  con maggiore probabilità durante la seconda decade. Seguite i prossimi aggiornamenti!

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: