Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 12 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, le parole del direttore dell’Aifa: ‘Sarà necessario fare un richiamo ogni anno’

Sarà necessaria una dose all'anno di vaccino? Ecco le parole del direttore dell'Aifa

Coronavirus, le parole del direttore dell’Aifa: ‘Sarà necessario fare un richiamo ogni anno’
Coronavirus, le parole del direttore dell'Aifa: 'Sarà necessario fare un richiamo ogni anno' - Foto Pixabay
1 di 3
  • Vaccinato il 70% della popolazione entro Settembre

    Entro la fine del mese di settembre sarà raggiunto l’obiettivo di vaccinare il 70% della popolazione. Probabilmente però saraà necessario ancora lottare a lungo con il virus, come spiega il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini, in un’intervista al Corriere della Sera. Magrini ha spiegato che parlare in modo generico di terza dose è un messaggio che confonde. Vediamo di seguito i dettagli dell’intervista. Da leggere Green Pass,come ottenere il QR Code e dove scaricarlo 

    Coronavirus, le parole del direttore dell’Aifa: ‘Sarà necessario fare un richiamo ogni anno’

    Il direttore dell’Aifa spiega che probabilmente sarà necessario fare un richiamo ogni anno. Parlare di terza dose può confondere i cittadini però: “Un richiamo anticipato non sarà per tutti, solo per gli immunodepressi come trapiantati, pazienti oncologici o coloro che fanno specifiche terapie immunosoppressive che è stato dimostrato beneficiano di una terza dose per raggiungere una buona immunità. Chi non appartiene a queste categorie può stare tranquilli, le due dosi già ricevute garantiscono la protezione. Da leggere anche Green Pass, ecco la truffa che sta girando su WhatsApp

    Israele ha deciso di somministrare la terza dose a tutti

    Israele ha deciso di procedere alla terza dose per tutti, ma per il direttore dell’Aifa si tratta di “un eccesso di prudenza“. “Lo scenario ora è decisamente migliore grazie al vaccino e al green pass, anche se bisognerà continuare a rispettare le regole di igiene e distanziamento. Magrini spiega che con il virus dovremo conviverci a lungo, ma bisogna puntare sui vaccini, visto che l’aumento dei casi in Gran Bretagna ed in Israele non ha comportato una risalita dei ricoveri. Leggi anche: Coronavirus, ecco quali Regioni rischiano di perdere la zona bianca

    CONTINUA A LEGGERE

  • Crisanti e il Green Pass

    Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia all’Università di Padova, si è espresso sul Green Pass: “il Green Pass va ristretto a chi ha due dosi e il tampone molecolare perchè solo una dose e l’antigenico rendono meno sicuri gli spazi chiusi”. Secondo il professore, in un’intervista a La Stampa, il Green Pass aumenta la sicurezza dei cittadini ma sull’obbligo sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza spiega “è veramente inutile perchè sinceramente la mascherina Ffp2 è più sicura del Green Pass e sarebbe molto più serio richiedere quella“.

  • Nuove chiusure non necessarie?

    Sergio Abrignani, membro del Comitato tecnico scientifico e professore di Immunologia all’Università Statale di Milano, in un’intervista al Messaggero ha espresso la sua opinione in merito a nuove chiusure: All’80% di vaccinati “ci arriveremo entro l’inizio di ottobre e allora il numero di malattie gravi da Covid sarà molto basso, non serviranno nuove chiusure“, come riporta Fanpage.it.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da anni notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia