Neve Appennino: fiocchi fino a 600 metri in questo 25 Aprile 2016

Pubblicato da Francesco Cibelli

Segnala

Neve sull’Appenino in questo 25 Aprile 2016 dal sapore invernale, i fiocchi si stanno spingendo localmente fin verso i 600 metri.

Neve Appennino: fiocchi fino a 600 metri in questo 25 Aprile 2016, 25 Aprile 2016 – Giornata della desta della liberazione che ci sta riportando indietro di almeno un mese in quanto a temperature. La primavera infatti ha subito una brusca frenata a causa di un lobo del vortice polare disceso sull’Europa Centrale che ha fatto valicare le Alpi a una massa d’aria fredda responsabile di un brusco calo delle temperature e del ritorno della neve soprattutto su Appennino Centrale e Settentrionale. Nella notte la neve ha interessato l’Appennino Settentrionale imbiancando rilievi e comuni localmente fin verso i 700-800 metri soprattutto sul Tosco-Emiliano. Accumuli anche oltre i 15 cm oltre i 1200-1300 metri sull’Abetone e il Cimone. Nelle prima ore del giorno poi la perturbazione è scesa verso Nord interessando anche l’Appennino Centrale con neve che sotto i rovesci più intensi è scesa fin verso i 600 metri. Imbiancata in queste ore la città dell’Aquila come si può vedere anche dalla webcam. Neve sui Sibillini, Monti della Laga, Terminillo, Gran Sasso, Maiella, Velino-Sirente e Simbruini con accumuli in quota anche superiori ai 20 cm. Nelle prossime ore la neve interesserà ancora l’Appennino Centrale e localmente quello Meridionale ma la tendenza è verso un generale miglioramento. Come annunciato da diversi giorni dunque, l’inverno è tornato a farci visita durante la festa della liberazione con forti correnti Settentrionali che spazzano l’Italia, temperature piuttosto pungenti e anche la neve

a cura di Francesco Cibelli

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter