Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 28 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, 34enne ricoverato per sospetta trombosi dopo vaccino Johnson & Johnson: ecco cosa è successo

Un 34enne di Imperia è stato ricoverato in ospedale per sospetta trombosi, si era sottoposto a vaccino Johnson&Johnson

Coronavirus, 34enne ricoverato per sospetta trombosi dopo vaccino Johnson & Johnson: ecco cosa è successo
Foto PixaBay
1 di 2
  • Coronavirus, 34enne ricoverato dopo vaccino Johnson&Johnson: tutti i dettagli

    Nuovo caso di sospetta trombosi causata da un vaccino anti coronavirus: a Genova, come riportato da IlFattoQuotidiano.it, un uomo di 34 anni è stato ricoverato al “Policlinico San Martino” con una probabile sindrome trombocitopenica trombotica. Il ragazzo, originario della zona di Imperia, si era sottoposto il 5 giugno scorso all’inoculazione del vaccino Johnson&Johnson (monodose) e nell’undicesima giornata post somministrazione ha riportato un netto calo delle piastrine e, in aggiunta, una sindrome neurologica trattata rapidamente e con successo. IL MINISTRO DELLA SALUTE ROBERTO SPERANZA NON É VACCINATO

    Le condizioni del paziente

    Il 34enne, prontamente assistito dai medici del Policlinico San Martino di Genova, ha iniziato subito la terapia con anticoagulanti: attualmente è cosciente e al completamento della fase diagnostica sarà trasferito presso la Terapia intensiva generale. In ogni caso non è in pericolo di vita, anche se non si arrestano i casi di trombosi (e con essi le polemiche) derivati dai vaccini a vettore virale, dunque i sieri Vaxzevria di AstraZeneca e Janssen di Johnson&Johnson. L’ANNUNCIO DEL PREMIER DRAGHI ANNUNCIA: “PUÓ TORNARE LA QUARANTE,A ECCO QUANDO

    Ecco a chi sarà riservato il vaccino AstraZeneca

    L’ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza, infatti, prevede ora che il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca venga somministrato soltanto agli over 60: tutti gli altri cittadini italiani avranno a disposizione i sieri Pfizer, Moderna e Johnson&Johnson. Questo per scongiurare altri decessi che possano avere correlazioni con il composto chimico. E chi ha già avuto la prima dose AstraZeneca? Il CTS ha annunciato che avrà la seconda dose Pfizer o Moderna, un mix di vaccini differenti che però non avrebbe nessuna controindicazione. E Johnson&Johnson? Il siero Janssen è stato “raccomandato” agli over 60 ma non vietato a soggetti di età inferiore, questo perché non è stato riscontrato un numero tale di casi di trombosi (o problemi simili) da adottare gli stessi provvedimenti previsti per AstraZeneca. GREEN PASS UFFICIALE DAL 1° LUGLIO: ECCO COME FUNZIONA

    CONTINUA A LEGGERE

  • Perché questa decisione?

    A rigettare il siero Vaxzevria nell’occhio del ciclone è stata la morte per trombosi di una ragazza di 18 anni (che però aveva problemi di salute) pochi giorno dopo l’essersi sottoposta alla prima dose, il che ha provocato un nuovo tam tam mediatico e soprattutto il ritiro dello stesso vaccino da parte di numerose regioni italiane (annullati tutti gli Open Day).

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti.

SEGUICI SU:

Ultima Ora

Ultima Ora Terremoto

Oroscopo e Astrologia