Terremoto oggi Sicilia 5 marzo 2019, scossa M 2.2 provincia Catania – Dati Ingv

Pubblicato da Brando Trionfera

Terremoto Sicilia oggi martedì 5 marzo 2019, scossa M 2.2 provincia di Catania.

Segnala
Terremoto Sicilia oggi martedì 5 marzo 2019, foto: Centrometeoitaliano.it/Sezione Terremoti
  • Terremoto Sicilia oggi martedì 5 marzo 2019

    L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia non ha registrato scosse di terremoto di magnitudo pari o superiore a 2.0 nella notte di oggi, martedì 5 marzo 2019. Alle 7:36 registrata una lieve scossa M 2.0 a Ragalna, provincia di Catania, ipocentro a 31 km. L’evento è stato localizzato a 7 km da Ragalna, 8 km da Biancavilla, 9 km da Santa Maria di Licodia e Adrano, 23 km ad ovest di Acireale, 77 km a nord ovest di Siracusa. Alle ore 7:07 di stamattina, sisma di magnitudo 2.2 in Sicilia. Epicentro a Biancavilla, in provincia di Catania. Ipocentro a 32 chilometri di profondità. Evento localizzato a 4 km da Biancavilla, 6 km da Ragalna, Santa Maria di Licodia e Adrano, 10 km da Paternò, 11 km da Belpasso, 13 km da Nicolosi, 14 km da Bronte, 15 km da Camporotondo Etneo, Centuripe, Pedara e San Pietro Clarenza, 24 chilometri ad ovest di Acireale, 25 km a nord ovest di Catania, 76 km a nord ovest di Siracusa, 77 km ad est di Caltanissetta.

    Terremoto 4 marzo 2019, le scosse registrate ieri sera

    Alle ore 19:35 di ieri sera, scossa di terremoto di magnitudo 2.6 a Ragalna, in provincia di Catania. Ipocentro ad 1 chilometro di profondità. Evento localizzato a 3 km da Ragalna, 7 km da Belpasso, Santa Maria di Licodia e Nicolosi, 8 km da Biancavilla, 9 km da Paternò, 10 km da Pedara, Camporotondo Etneo e  San Pietro Clarenza, 11 km da Adrano e Trecastagni, 12 km da Mascalucia, 13 km da Tremestieri Etneo, Viagrande, Gravina di Catania, 14 km da Zafferana Etnea, Aci Bonaccorsi e San Giovanni la Punta, 15 km da Sant’Agata li Battiati, Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, 19 km ad ovest di Acireale, 20 km a nord ovest di Catania, 72 km a nord ovest di Siracusa.

    (Fonte: Ingv.it)

  • Terremoto 4 marzo 2019, le scosse registrate ieri pomeriggio

    Alle ore 16:53 di ieri pomeriggio scossa di terremoto M 2.4 in Puglia, epicentro in mare, distretto costa garganica. Ipocentro a 32 km di profondità. Evento localizzato 56 km a nord est di Manfredonia, 82 km a nord est di San Severo, 86 km a nord di Barletta, 89 km a nord est di Foggia, 92 km a nord di Trani. Alle ore 15:32 di ieri, sisma M 2.9 costa calabra sud occidentale, epicentro in mare, ipocentro a 97 km. Evento localizzato 57 km ad ovest di Lamezia Terme, 69 km a nord di Messina, 72 km a sud ovest di Cosenza, 77 km a nord di Reggio Calabria, 78 km ad ovest di Catanzaro.

    Terremoto 4 marzo 2019, le scosse registrate ieri notte

    Alle ore 3:21 di ieri notte, scossa di terremoto M 2.4 costa ragusana, ipocentro a 22 km, epicentro in mare. Evento localizzato 43 km a sud ovest di Modica, 49 km a sud di Ragusa. Alle ore 3:18 sisma M 2.0 Tirreno meridionale, epicentro al largo, ipocentro a 147 km. Evento localizzato 35 km a nord ovest di Messina, 47 km a nord ovest di Reggio Calabria.

  • Terremoto oggi 5 marzo 2019, le forti scosse registrate nel mondo

    Per quanto concerne la situazione sismica mondiale non ci sono forti scosse di terremoto di magnitudo pari o superiore a 6.0 da segnalare oggi 5 marzo 2019. Nel corso delle prossime ore aggiornamenti sulle scosse registrate in Italia.

Iscriviti alla nostra newsletter

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter